Wellness Farm https://www.wellnessfarm.it La fabbrica del benessere Thu, 30 Jun 2022 09:00:35 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=4.9.20 Cosa accade al tuo corpo quando smetti di fumare https://www.wellnessfarm.it/cosa-accade-quando-smetti-di-fumare_14607/ https://www.wellnessfarm.it/cosa-accade-quando-smetti-di-fumare_14607/#respond Thu, 30 Jun 2022 09:00:35 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=14607 ... [continua a leggere]]]>

Una delle abitudini meno salubri che possiamo adottare è il fumo, ormai ne conosciamo bene i danni eppure è difficile uscire dalla dipendenza. Ci vogliono una motivazione solida e forza di volontà ma forse può aiutare anche scoprire cosa succede al tuo corpo quando smetti di fumare.

Al primo posto c’è senza dubbio un minor rischio di sviluppare il cancro che ormai è stato dimostrato essere connesso con il fumo. Scende drasticamente anche il rischio di incorrere in patologie cardiovascolari. Diminuisce inoltre la pressione, una manna per chi tende a soffrire di ipertensione.

Con i polmoni liberi dal fumo, poi, diminuiscono pure le probabilità di ammalarsi, anche grazie a un sistema immunitario che torna a essere più efficiente. Certi studi hanno collegato la scelta di non fumare addirittura a una minore possibilità di sviluppare demenza senile.

Ma il primo effetto e il più evidente è un miglioramento generale della salute polmonare. Le vie respiratorie sono più pulite, libere, efficienti. Di conseguenza migliora subito anche il rendimento sportivo. Effetti positivi si avranno pure sulla salute delle ossa, meno vulnerabili a fratture e rischio di osteoporosi.

]]>
https://www.wellnessfarm.it/cosa-accade-quando-smetti-di-fumare_14607/feed/ 0
Alimenti vegetali che aiutano a costruire i muscoli https://www.wellnessfarm.it/alimenti-vegetali-che-aiutano-a-costruire-i-muscoli_14604/ https://www.wellnessfarm.it/alimenti-vegetali-che-aiutano-a-costruire-i-muscoli_14604/#respond Tue, 28 Jun 2022 09:00:00 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=14604 ... [continua a leggere]]]>

C’è sempre un certo scetticismo nei confronti della dieta vegana eppure sempre più persone stanno scoprendo che non esiste solo la carne per avere accesso a buone quote proteiche. Che si diventi vegani oppure no, conoscere gli alimenti che possano aiutarci nella costruzione dei muscoli è utile comunque.

Ceci

I ceci sono senz’altro in pole position in questo. Contengono ottime quantità di proteine, paragonabili a quelle di carne e pesce. E grazie alla quantità di carboidrati sono anche super energetici. Senza contare potassio, magnesio, vitamine del gruppo B, fosforo e calcio vegetale. Una manna per gli sportivi.

Soia

La soia ha sempre un posto d’onore tra i legumi ad alto carico proteico, addirittura ne possiede quasi il doppio dei ceci. Rispetto ai ceci si trova in molte forme già lavorate, non solo in chicco, ed è super pratica.

Banana

I muscoli non vivono di sole proteine. Sono importanti anche carboidrati per dar loro energia e tutta una serie di micronutrienti essenziali. Come il potassio, le vitamine del gruppo B, magnesio e vitamina A. La banana ha tutto questo.

Avena

Tra i cereali l’avena è forse la migliore amica degli sportivi. La usi in mille modi, persino per i dolci. E contiene una buona quantità di proteine insieme ai carboidrati, a cui si aggiunge un’ottima dose di fibre e minerali.

Riso integrale

Purché sia integrale, dunque ricco di fibre e con un maggior apporto di minerali rispetto a quello bianco, il riso è un alleato prezioso per gli sportivi. Contiene ricche quantità di carboidrati indispensabili per fornire ai muscoli l’energia necessaria a un allenamento intenso o per recuperare post-allenamento.

Noci

Preziosissime amiche dei muscoli anche le noci che contengono buone quantità di grassi buoni senza tralasciare né proteine né carboidrati. Sono un ottimo snack per darsi la carica prima di allenarsi. Regalano anche vitamine del gruppo B, vitamine A ed E, selenio, calcio, magnesio, potassio e fosforo.

Lupini

Altra scelta vincente a tavola se ci si vuole garantire un’alta carica proteica evitando la carne sono senz’altro i lupini. Contengono inoltre fibre, ferro, calcio, magnesio e potassio. E nelle insalate sono deliziosi.

]]>
https://www.wellnessfarm.it/alimenti-vegetali-che-aiutano-a-costruire-i-muscoli_14604/feed/ 0
Kim Kardashian confessa: disposta a tutto per rimanere giovane https://www.wellnessfarm.it/kim-kardashian-rimanere-giovane_14601/ https://www.wellnessfarm.it/kim-kardashian-rimanere-giovane_14601/#respond Thu, 23 Jun 2022 09:00:35 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=14601 ... [continua a leggere]]]>

Mentre ci si impegna molto per consolidare l’accettazione di sé e trovare il giusto equilibrio tra cura della pelle e consapevolezza che l’invecchiamento è un processo naturale e inevitabile, arriva Kim Kardashian e dichiara: sono disposta a tutto per rimanere giovane.

Ci rendiamo conto subito di quanto sia pericolosa un’affermazione del genere, specialmente considerando la sua immensa visibilità eppure colpisce lì dove tutte celiamo una debolezza: siamo continuamente bombardate da immagini di donne perfette (in foto manipolate), che non rispondono neanche lontanamente alla realtà. Ci sentiamo dunque spinte in ogni momento ad avvicinarci a quell’ideale, con ogni mezzo, con ogni sforzo.

Se da un lato la ricerca cosmetica e lo stile di vita contemporaneo hanno fatto miracoli nel farci sentire meglio nella nostra pelle, dall’altro rischiamo di offuscare la consapevolezza di noi stesse e del tempo che, ci piaccia o no, passa e lascia i suoi segni. Che dovremmo accettare serenamente come parte della vita.

Non Kim Kardashian a quanto pare che in una recente intervista al New York Times ha dichiarato che per sembrare giovane sarebbe disposta a tutto. Persino – tenetevi forte – a mangiare cacca, se le dicessero che funziona. Non stentiamo a crederle visto che per entrare nell’abito di Marilyn Monroe al Met Gala ha mangiato solo pomodori per tre settimane. Ma non staremo esagerando?

]]>
https://www.wellnessfarm.it/kim-kardashian-rimanere-giovane_14601/feed/ 0
Macchie solari: come prevenirle e come affrontarle https://www.wellnessfarm.it/macchie-solari-come-prevenirle-e-come-affrontarle_14598/ https://www.wellnessfarm.it/macchie-solari-come-prevenirle-e-come-affrontarle_14598/#respond Tue, 21 Jun 2022 09:00:12 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=14598 ... [continua a leggere]]]>

Macchie solari, che dramma. Compaiono puntuali appena ci esponiamo al sole se siamo già soggette a questo tipo di discromie oppure ce le procuriamo prestando poca attenzione all’importanza di proteggersi con un adeguato spf. Come fare a prevenire le macchie? E se ormai ti sono venute, che puoi fare per correre ai ripari? È quello che scopriremo.

Niente da fare, alle macchie solari sono soggetti tutti, ma chi si espone al sole in modo indiscriminato rischia di più. Possono essere piccole o estese, chiare o più scure, e compaiono sul viso ma anche sulle mani, le braccia, il petto. Le parti più esposte al sole e più a lungo, insomma.

Il primo passo per prevenirle, o non farle diventare più scure se le hai già, è usare un’ottima protezione solare. Con ottima si intende sia di buona qualità che con spf alto. Sarebbe meglio addirittura usare un filtro solare fisico anziché chimico sulle macchie in particolare, per evitare che si scuriscano.

Il solare va riapplicato spesso e va messo anche quando non si è al mare, perché il sole colpisce duro pure se non ci stiamo stendendo in spiaggia con lo scopo esplicito di abbronzarci. La migliore prevenzione quindi si fa tutto l’anno: se cammini per strada, se vai al parco per un pic nic con le amiche, se guidi il motorino sotto il sole.

Per non dimenticare di applicare spesso il solare puoi optare per una formulazione liquida in spray, facile da spruzzare al volo e a rapido assorbimento. E se ormai le macchie ci sono e non sopporti di vederle? Ci vuole un appuntamento con il dermatologo che saprà consigliarti se ricorrere a un prodotto schiarente, al peeling chimico o al laser dermatologico.

]]>
https://www.wellnessfarm.it/macchie-solari-come-prevenirle-e-come-affrontarle_14598/feed/ 0
Skincare estiva: i prodotti fotosensibilizzanti che non dovresti usare in estate https://www.wellnessfarm.it/prodotti-fotosensibilizzanti-estate_14595/ https://www.wellnessfarm.it/prodotti-fotosensibilizzanti-estate_14595/#respond Thu, 16 Jun 2022 09:00:25 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=14595 ... [continua a leggere]]]>

Quando arriva l’estate, puntuali giungono anche le grida di allarme: attenzione al fattore di protezione, certo, ma anche a certi prodotti cosmetici che sarebbe meglio smettere di usare perché a rischio. Sono infatti potenzialmente o esplicitamente fotosensibilizzanti. Macchie dietro l’angolo, occhio!

La skincare abitualmente viene riadattata al cambio stagione modificando le consistenze dei prodotti. Si passa per esempio dallo struccante in burro a quello micellare, dal detergente in latte a quello in gel. E anche la crema diventa meno ricca, più fresca e di più facile assorbimento. Ma bisogna badare anche all’inci dei prodotti per non rischiare di esporsi al sole, anche involontariamente, portando sulla pelle ingredienti che possono reagire.

Sono soprattutto gli acidi, tra cui tutti i retinoidi, a non essere amici della nostra pelle in piena estate. Con qualche accortezza e riducendo i dosaggi, possiamo continuarli a usare di notte, avendo cura di non esporsi al sole il giorno dopo. A rischio anche gli oli essenziali, e di conseguenza i profumi che li contengono. In questo caso meglio spruzzare la fragranza sui vestiti anziché sulla pelle.

Tutto dipende dalla concentrazione, certo, ma nel dubbio è meglio non rischiare. Soprattutto la pelle delicata e sensibile potrebbe risentirne. Le possibili conseguenze? Bruciori, arrossamenti, desquamazione, macchie.

Tutti i trattamenti che contengono ingredienti fotosensibilizzanti vanno sospesi quando si prevede di esporsi al sole. Ma è innocuo l’acido ialuronico che a differenza di molti altri acidi ha un potere idratante e non è fotosensibilizzante. Potete quindi continuare a usarlo. Di solito è presente soprattutto in sieri e contorno occhi. Promossa anche la vitamina C.

]]>
https://www.wellnessfarm.it/prodotti-fotosensibilizzanti-estate_14595/feed/ 0
Come evitare l’eritema esponendosi al sole https://www.wellnessfarm.it/come-evitare-eritema_14592/ https://www.wellnessfarm.it/come-evitare-eritema_14592/#respond Tue, 14 Jun 2022 09:00:27 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=14592 ... [continua a leggere]]]>

Problema di tutte le estati: ci si espone troppo al sole, in maniera poco attenta, ed ecco comparire il nemico numero uno della nostra pelle, l’eritema solare. Qualche volta è colpa nostra, perché non ci siamo coperti adeguatamente con un fattore di protezione adatto alla nostra pelle. Altre volte invece dipende dall’eccesso di esposizione e può capitare che, nel corso di giornate molto calde, non necessariamente al mare, non ci rendiamo conto di aver esagerato.

I sintomi dell’eritema si riconoscono subito: la pelle è arrossata e con macchioline rosse, estremamente sensibile, dolorante, spesso prude e tira, soprattutto brucia. Nei casi più gravi si può arrivare ad avere brividi e qualche linea di febbre. Come fare per evitarlo?

Primo comandamento: usare sempre, anche in città, la protezione solare con un spf molto alto, o comunque adatto al proprio fototipo. Chi ha la pelle chiara deve usare un fattore di protezione non inferiore a 30, meglio se 50. Ma ricordate che il sole fa danni, anche se non immediatamente visibili, anche sulle pelli scure. E dall’eritema non è immune nessuno.

Posto che è sempre meglio chiedere il parere di un medico se pensate di esservi beccati un eritema, un modo per intervenire subito e alleviare il fastidio è usare del gel d’aloe vera, meglio se puro. Tenetelo in frigo per un effetto fresh che vi darà immediato sollievo.

Se non avete a disposizione l’aloe va bene anche un doposole, ma occhio all’inci: non deve contenere profumo. Utili anche i rimedi della nonna quando non è possibile trovare altro. Provate con le fette di patata cruda sulla zona interessata.

]]>
https://www.wellnessfarm.it/come-evitare-eritema_14592/feed/ 0
Power nap: bastano 8 minuti, parola di TikTok https://www.wellnessfarm.it/power-nap-bastano-8-minuti-parola-di-tiktok_14588/ https://www.wellnessfarm.it/power-nap-bastano-8-minuti-parola-di-tiktok_14588/#respond Thu, 09 Jun 2022 09:00:31 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=14588 ... [continua a leggere]]]>

D’accordo, la vita frenetica che conduciamo nelle nostre città non si presta affatto al pisolino pomeridiano, specialmente se restiamo in ufficio e abbiamo una pausa pranzo risicata, figurarsi dormire. Eppure la siesta è uno strumento potentissimo anche per migliorare la produttività sul lavoro, oltre che per il benessere generale.

Quante volte ti è capitato di risvegliarti dalla pennichella riposato e pieno di energie? Se vorresti tanto concederti ogni giorno quel piacere ma pensi di non avere tempo, forse rimarrai sorpreso. Qualche settimana fa è diventato improvvisamente virale un metodo diffuso sui social da Nick Vitello: sostiene che le forze speciali della marina degli Stati Uniti fanno la pennichella, ma di 8 minuti appena.

Il video su TikTok è schizzato alle stelle perché spiega come fare un pisolino ultra rapido ma non meno ristoratore di un riposo più lungo. Se finora si avevano detto che il power nap richiedeva almeno 20 minuti, oggi scopriamo che può essere addirittura dimezzato. Gli esperti sono scettici ma tentar non nuoce.

Certo 8 minuti sono sempre meglio di niente, a patto di avere facilità ad addormentarsi. Unico diktat: mettere da parte il cellulare e impostare una sveglia se bisogna tornare a lavoro. Il periodo migliore è quello compreso fra le 13 e le 15. Stenditi e goditi il tuo power nap espresso.

]]>
https://www.wellnessfarm.it/power-nap-bastano-8-minuti-parola-di-tiktok_14588/feed/ 0
Biscotti di avena e banana: una ricetta espressa e sana https://www.wellnessfarm.it/biscotti-avena-e-banana-ricetta_14585/ https://www.wellnessfarm.it/biscotti-avena-e-banana-ricetta_14585/#respond Tue, 07 Jun 2022 09:00:53 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=14585 ... [continua a leggere]]]>

Quando ci viene voglia di sgranocchiare qualcosa finiamo per attingere al pacco dei biscotti industriali. E se invece preparassimo una riserva di biscotti sani e gustosi da mangiare a colazione, a merenda o ogni volta che ci viene voglia di stuzzicare la gola?

È facile, velocissima e ad alto tasso di gusto la ricetta espressa che vi proponiamo oggi. Sono biscotti di banana e avena. Con le gocce di cioccolato, perché no? Servono 25 minuti appena e si possono preparare in quantità da conservare per giorni.

Sono vegani al 100% dunque adatti davvero a tutti. Non contengono burro, uova e zucchero, perciò sono anche leggeri ma senza rinunciare al gusto. Specialmente se aggiungiamo le gocce di cioccolato (anche vegano, ovviamente). O in alternativa frutta secca o scaglie di cocco.

La banana è ricca di potassio dunque ci aiuta anche come spuntino pre-allenamento. L’avena invece è super saziante e apporta grandi quantità di fibra, oltre che di energia. Per sei biscotti ti servono due banane, 250 grammi di avena, cannella e altre spezie con cui desideri insaporire i biscotti più l’aggiunta di cioccolato o frutta secca che preferisci.

Schiaccia la banana, incorpora l’avena, le spezie e il resto e mescola fino ad amalgare tutti gli ingredienti. Con l’aiuto di un cucchiaio porziona l’impasto su una teglia e inforna per 20 minuti. Lascia riposare a temperatura ambiente prima di consumare i biscotti.

]]>
https://www.wellnessfarm.it/biscotti-avena-e-banana-ricetta_14585/feed/ 0
Estate in arrivo: come preparare la pelle al sole https://www.wellnessfarm.it/preparare-la-pelle-al-sole_14579/ https://www.wellnessfarm.it/preparare-la-pelle-al-sole_14579/#respond Tue, 31 May 2022 09:00:55 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=14579 ... [continua a leggere]]]>

L’estate è finalmente alle porte e visto il caldo di Maggio molti di noi hanno già iniziato le prime esposizioni al sole durante un weekend al lago o una scappata al mare. Ma come ogni anno è bene prestare la massima attenzione ai potenziali danni del sole sulla pelle.

Ecco come prepararla al meglio prima dell’esposizione estiva, quando trascorriamo in spiaggia molte ore. Non solo preveniamo scottature e macchie, ma aiutiamo la pelle ad abbronzarsi in maniera più sana, intensa e duratura, proteggendola dai raggi UV.

Il modo migliore per cominciare è sempre lo scrub che elimina le cellule morte. Meglio uno scrub meccanico che non lascia residui sulla pelle dopo il risciacquo. Attenzione invece ai peeling chimici che possono contenere ingredienti fotosensibilizzanti.

La protezione adeguata è il passo successivo. Va messa sempre, non solo in spiaggia ma anche in città quando non sempre ci rendiamo conto di prendere il sole mentre ci muoviamo indaffarati. D’estate il fattore di protezione deve essere più alto. Niente paura, la protezione 50 non impedisce di abbronzarsi, scherma solo i raggi dannosi.

Ovviamente aiuta anche la dieta. Se arricchite la tavola di alimenti che contengono vitamina E e beta-carotene l’abbronzatura sarà più luminosa e veloce e la pelle più sana. Si può anche ricorrere a degli integratori da chiedere in erboristeria.

]]>
https://www.wellnessfarm.it/preparare-la-pelle-al-sole_14579/feed/ 0
Il tagliere che ti conta le calorie e ti scongela il cibo https://www.wellnessfarm.it/tagliere-che-conta-calorie_14575/ https://www.wellnessfarm.it/tagliere-che-conta-calorie_14575/#respond Thu, 26 May 2022 09:00:37 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=14575 ... [continua a leggere]]]>

Preparare pasti equilibrati per numero di calorie e qualità dei nutrienti non è mai stato così facile. Ti aiuta uno speciale tagliere smart capace di conteggiare le calorie già mentre tagli il cibo per preparare i tuoi pasti quotidiani. Geniale, no? Ma fa anche molto di più. Non ci credi? Senti qua.

Funziona da tagliere, certo, ma anche da bilancia e timer da cucina e scongela il cibo. Così con un solo accessorio puoi pesare gli alimenti, controllarne il valore nutrizionale e l’impatto calorico, pulirli, tagliarli e importare il timer per non dover controllare continuamente la cottura.

Il suo nome è 4T7, l’ha immaginato Youpinlab Zone che ha voluto concepire l’idea come un insieme di elementi indipendenti che possono funzionare insieme. Il tagliere vero e proprio è disponibile in noce o in bambù, si aggancia alla stuttura di base tramite potenti magneti ed è trattato per avere una superficie super durevole. Puoi tagliarci le verdure ma anche la carne.

C’è anche una seconda tavola con superficie ricoperta in argento ionico, naturalmente antibatterico. Sarà perfetto per tagliare il pesce oppure le spezie. La terza tavola invece è una sorpresa vera perché è capace di scongelare il cibo in pochissimo tempo. Infine c’è un’app dedicata con cui controllare il timer e consultare ricette.

]]>
https://www.wellnessfarm.it/tagliere-che-conta-calorie_14575/feed/ 0
Fa troppo caldo, non riesco a dormire: consigli per riuscirci https://www.wellnessfarm.it/fa-troppo-caldo-dormire_14571/ https://www.wellnessfarm.it/fa-troppo-caldo-dormire_14571/#respond Tue, 24 May 2022 09:00:58 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=14571 ... [continua a leggere]]]>

I termometri sono già a livelli estivi anche se siamo ancora a Maggio e si ripropone come ogni anno il dramma di sempre: ma come faccio a dormire quando fa così caldo? L’aria condizionata è solo una delle soluzioni e neanche la migliore. Non è sempre salutare dormire con il condizionatore a palla. Ecco qualche consiglio per riposare bene anche quando le temperature salgono.

La temperatura ideale della camera da letto è di circa 18 gradi. Ma possiamo fare qualcosa anche per la nostra temperatura del corpo. La melatonina aiuta in questo. Abbassa naturalmente la temperatura del corpo accompagnandola al riposo. La produciamo naturalmente ma in casi di necessità possiamo anche usare un integratore.

Ci aiuta a riposare meglio anche l’alimentazione. Da evitare alcol e caffè prima di andare a dormire. Nelle notti più calde la caffeina inibisce l’adenosina, un regolatore del sonno. L’alcol invece influisce sulla regolazione naturale della temperatura del corpo. Alimenti che possono aiutare sono invece latte, noci, frutta come banane e kiwi, cereali integrali e uova. Sono tutti ricchi di triptofano.

Da evitare anche la doccia calda (ammesso che si possa averne voglia quando fa caldo) e l’attività fisica. Sono tutte e due attività che fanno aumentare la temperatura corporea prima di andare a letto, l’esatto opposto di quello che vogliamo ottenere.

L’aria condizionata aiuta ma solo per raggiunge la giusta temperatura della stanza intorno ai 18 gradi. Possiamo programmare il condizionatore per aiutarci in questo. Sempre meglio che sparare aria fredda direttamente sul letto: l’unico risultato sarà quello di raffreddarsi, non rinfrescarsi.

È bene infine scegliere fibre naturali per i tessili del letto e dormire senza vestiti per garantire la migliore traspirazione. Vanno poi evitati gli schermi e la luce blu che emettono perché non favoriscono il riposo. Se fa già caldo e ci rigiriamo nel letto con lo smartphone acceso di sicuro non ci aiutiamo.

]]>
https://www.wellnessfarm.it/fa-troppo-caldo-dormire_14571/feed/ 0
Eco-Flo, così si chiama il covid test biodegradabile https://www.wellnessfarm.it/eco-flo-cosi-si-chiama-il-covid-test-biodegradabile_14568/ https://www.wellnessfarm.it/eco-flo-cosi-si-chiama-il-covid-test-biodegradabile_14568/#respond Thu, 19 May 2022 09:00:07 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=14568 ... [continua a leggere]]]>

Lo ammettiamo, non è stato il primo dei nostri problemi nei mesi di emergenza più grave eppure a un certo punto ci siamo posti la questione: ma tutti questi covid test di plastica, che fine fanno? Diventano rifiuti, ovviamente. Con in mente il benessere del pianeta non meno che il nostro è stato inventato un prototipo di covid test biodegradabile.

Uno studio di design londinese ha ideato il concept capace di ridurre i rifiuti di plastica monouso che da inizio pandemia sono cresciuti smisuratamente. La stima è spaventosa: si pensa che circa 26 mila tonnellate di rifiuti plastici dovuti al covid siano attualmente in circolazione. Molti dei quali finiti negli oceani.

Tra mascherine, flaconi di disinfettanti, guanti e test il flusso di plastica è aumentato esponenzialmente. E con i test fai da te sempre disponibili e la costante evoluzione delle varianti non accennerà a diminuire.

Morrama – questo il nome di chi firma il concept – ha dunque pensato di creare un kit per il test fai da te che non contribuisca ad aumentare la quantità di plastica nelle discariche. Si chiama Eco-Flo e usa un campione di saliva al posto del tampone nasale. Alla fine del test puoi smaltire tutto in maniera eco-friendly perché la confezione è in polpa di carta riciclata e la bustina è in pellicola biodegradabile. Si deteriora tutto in 4-6 settimane.

]]>
https://www.wellnessfarm.it/eco-flo-cosi-si-chiama-il-covid-test-biodegradabile_14568/feed/ 0