Wellness Farm https://www.wellnessfarm.it La fabbrica del benessere Tue, 27 Oct 2020 09:00:11 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=4.9.15 I calendari dell’Avvento che vorrai questo Natale 2020 https://www.wellnessfarm.it/calendari-avvento-natale-2020_14017/ https://www.wellnessfarm.it/calendari-avvento-natale-2020_14017/#respond Tue, 27 Oct 2020 09:00:11 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=14017 ... [continua a leggere]]]>

Ora che l’autunno è incontrovertibilmente arrivato non facciamo che pensare al Natale, specialmente in questi giorni cupi in cui vogliamo avere in mente pensieri felici per scacciare paure e angoscia. E dunque occupiamoci dei calendari dell’Avvento. È proprio il momento giusto per sceglierne uno, anche per approfittare delle occasioni in edizione limitata che si esauriscono in fretta.

Che sia un regalo per se stesse oppure da fare all’amica lontana in attesa di riabbracciarla, è sempre una scelta vincente. Sia perché offre un momento di piccolo piacere ogni giorno di Dicembre, sia perché ci consente anche di provare molti prodotti con una spesa relativamente ridotta rispetto alle taglie regular. Ecco 10 calendari dell’Avvento che potresti volere quest’anno.

Essence

Si chiama Ho-Ho-Home for Christmas e tra i 24 prodotti che contiene ci sono rossetti e balsami labbra, mascara e ciglia finte.

Catrice

Anche Catrice propone il suo calendario dell’Avvento ricco di palette viso e occhi ma anche pennelli e, a sorpresa, full size che non ti aspetti.

Clarins

Clarins punta sulla cura della pelle di viso e corpo con 24 prodotti da scoprire. E in più c’è un approccio eco-sostenibile che ci piace molto perché il contenitore è in fibre naturali riciclabili. E soprattutto puoi riutilizzarlo.

Pupa

Se non hai mai ricevuto una trousse di Pupa per Natale non vivi su questo pianeta. Quest’anno arriva anche il calendario dell’Avvento dedicato al make-up festivo.

Rituals

Tutto dedicato alla cura del corpo è il calendario dell’Avvento di Rituals che contiene bagno schiuma profumatissimi, candele per accompagnare il relax nella vasca da bagno e creme corpo coordinate. E la forma a palazzo non è meravigliosa da esporre?

L’Occitane

Super instagrammabile è il calendario dell’Avvento di L’Occitane che contiene tutto quel che potresti mai desiderare dal marchio francese per la cura della pelle.

Nuxe

Sì, contiene anche il magnifico Huile Prodigieuse che è diventato il vero prodotto iconico della maison. E poi ha una grafica da urlo.

Benefit

Non c’è niente da dire su Benefit se non il consueto wow! che ci suscitano sempre i suoi prodotti e il suo packaging. Non si smentisce neanche in questo caso.

Lancome

Tutti i best-seller della maison in questo delizioso cofanetto che diventa anche l’idea regalo perfetta. E sì, ci sono anche mini size di profumo, perfette da portare con sé.

Lush

Sono 12 anziché 24 le caselle del calendario dell’Avvento di Lush ma le sorprese non mancano e sono tutte – ovvio! – profumatissime, dai saponi alle bombe da bagno.

]]>
https://www.wellnessfarm.it/calendari-avvento-natale-2020_14017/feed/ 0
I tatuaggi con i sensori che ti monitorano la salute https://www.wellnessfarm.it/tatuaggi-sensori_14013/ https://www.wellnessfarm.it/tatuaggi-sensori_14013/#respond Thu, 22 Oct 2020 09:00:35 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=14013 ... [continua a leggere]]]>

Dire se siano più tatuaggi o più tecnologia wearable è un po’ difficile, in verità sono ambedue le cose e forse anche qualcosina in più. Sì, perché nascono per essere sensori indossabili e al tempo stesso decorativi che tengono d’occhio in tempo reale il nostro stato di salute.

Di questi tempi non sembra niente male l’idea di verificare personalmente, rapidamente e in modo efficace, parametri vitali ed eventuali problemi che possono manifestarsi improvvisamente ed essere dunque trattati immediatamente.

A mettere a punto i tatuaggi hi-tech è stato un team di ricercatori della Pennsylvania che ha progettato i sensori indossabili e ha dato loro anche un aspetto gradevole da vedere. La novità è che questi particolari sensori si stampano sulla pelle senza richiedere le alte temperature normalmente richieste per l’applicazione di un sensore su una superficie.

Servendosi di elementi utilizzati in cosmetica, come l’alcol polivinilico usato nelle maschere viso, lo strato che contiene i sensori si stampa a temperatura ambiente direttamente sulla pelle. Cosa fa il tatuaggio una volta applicato? Monitora la temperatura corporea, i battiti del cuore, l’ossigenazione del sangue. E, se correttamente programmato, può persino rilevare i sintoni da Covid.

]]>
https://www.wellnessfarm.it/tatuaggi-sensori_14013/feed/ 0
La maschera rosa di Gwyneth Paltrow per un effetto super glow https://www.wellnessfarm.it/maschera-rosa-gwyneth-paltrow_14010/ https://www.wellnessfarm.it/maschera-rosa-gwyneth-paltrow_14010/#respond Tue, 20 Oct 2020 09:00:55 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=14010 ... [continua a leggere]]]>

Gwyneth Paltrow posta una foto su Instagram con una maschera viso tutta rosa e il web impazzisce: vogliamo sapere che trattamento è, vogliamo provarlo anche noi. Si tratta di una maschera di Christine Chin Spa che sta facendo il giro del mondo.

Christine Chin è nota per essere la beauty expert delle celebrità e tra le sue clienti c’è per l’appunto anche la cara Gwyn. Che non si tira indietro quando è il momento di mostrare il dietro le quinte, quel che si nasconde nelle fasi precedenti alle foto con una pelle radiosa. La maschera trattamento diventa bella anche da sé e si mostra orgogliosamente online.

L’attrice e imprenditrice che promuove uno stile di vita green a suon di dieta sana, approccio eco-friendly e trattamenti beauty ci mostra uno dei suoi segreti. Che è questa speciale maschera tutta rosa, ironicamente portata con gli occhiali ché, si sa, noi miopi non possiamo rinunciarvi.

Obiettivo pelle super glow: è uno dei mantra di Christine Chin che nel suo salone nel Lower East Side di New York si prende cura della pelle di celebrità e non solo mettendo a punto trattamenti specifici per ogni tipo di pelle ed esigenza. Il salone per il momento è chiuso causa Covid ma nulla vieta di servirsi della sua expertise a casa propria. Gwyneth lo sa. E ora anche noi.

]]>
https://www.wellnessfarm.it/maschera-rosa-gwyneth-paltrow_14010/feed/ 0
Come scegliere il reggiseno sportivo? https://www.wellnessfarm.it/come-scegliere-reggiseno-sportivo_14006/ https://www.wellnessfarm.it/come-scegliere-reggiseno-sportivo_14006/#respond Thu, 15 Oct 2020 09:00:34 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=14006 ... [continua a leggere]]]>

Quando dobbiamo scegliere il reggiseno sportivo più adatto a noi ci sono molti fattori da tenere in considerazione. Non solo la sua vestibilità o quanto è carino – che non guasta mai – ma anche le caratteristiche tecniche adeguate al tipo di attività per cui ci serve.

È diverso se pratichiamo yoga e non serve un particolare sostegno oppure se ci dedichiamo al running o al tennis e dunque abbiamo necessità di una tenuta più ferma. Cambia anche se portiamo una taglia piccola o una misura più generosa, che richiede un sostegno più deciso per evitare traumi al seno.

Insomma, per una donna scegliere il reggiseno sportivo non è meno importante che optare per un buon paio di scarpe da running. E la tecnologia dei reggiseni sportivi attuali non è da meno. Quali sono i dettagli da tenere in considerazione?

Tipo di sport

Cambia se praticate sport ad alto impatto con molte sollecitazioni, oppure più soft fondato su ritmi lenti o su posizioni per lo più statiche. Nel primo caso servirà una struttura più articolata, nel secondo caso va benissimo anche un reggiseno a top, morbido ed elastico senza speciali sostegni.

Materiali

Possono essere di molti tipi ma è importante che siano sempre tecnici: traspiranti, elastici ma con ottima resistenza per garantire a lungo la migliore performance dell’aspetto chiave di ogni reggiseno, il sostegno. È utile anche che le cuciture siano assenti nel caso di sostegno medio-basso o ingegneristiche se l’alto grado di sostegno ne richiede la presenza: piatte, che non provochino fastidi, attriti, addirittura escoriazioni.

Tipo di incrocio

L’incrocio sulla schiena fa la gran parte in un reggiseno sportivo, specie se portiamo una taglia grande e abbiamo bisogno di scaricare il peso sulla schiena. Se basta un sostegno medio si può optare per le classiche spalline laterali, diversamente l’incrocio sulla schiena diventa basilare. Nei modelli più avanzati si può anche regolare.

]]>
https://www.wellnessfarm.it/come-scegliere-reggiseno-sportivo_14006/feed/ 0
Buff lancia la fascia con proprietà antibatteriche https://www.wellnessfarm.it/buff-fascia-antibatterica_14003/ https://www.wellnessfarm.it/buff-fascia-antibatterica_14003/#respond Tue, 13 Oct 2020 09:00:26 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=14003 ... [continua a leggere]]]>

Le mascherine obbligatorie in ogni circostanza hanno cambiato radicalmente il nostro modo di vivere la quotidianità e relazionarci alle altre persone. Sono inoltre fiorite le proposte, anche in chiave sportiva. Oggi parliamo di una di esse, la più recente. La firma Buff.

La sua fascia multiuso si è leggermente trasformata per adattarsi ai casi della vita odierna: la forma è stata un po’ adattata per coprire naso e bocca con una linea ergonomica e confortevole da indossare; la qualità del tessuto si è arricchita di proprietà antibatteriche.

Si chiama Buff Filter Tube la nuova idea che incorpora un trattamento antibatterico e una taschina per un filtro. In questo modo possiamo sostituire un accessorio un po’ più bellino alla solita mascherina chirurgica perché ne fa perfettamente le veci.

È ideale soprattutto per praticare sport all’aperto, magari quando il freddo inizia a farsi sentire e ci fa piacere coprire il collo e anche la bocca. E visto che bisogna anche rispettare le norme anti-Covid, si prendono i famosi due piccioni con una fava.

Il tessuto in microfibra riciclata è morbidissimo e confortevole grazie anche alla speciale sagomatura. Il filtro interno si può cambiare – o rimuovere – ogni volta che si ritenga necessario. Garantiscono una efficacia antibatterica fino al 98%. E il trattamento del tessuto con tecnologia HeiQ V-Block resiste fino a 30 lavaggi a 60 gradi.

]]>
https://www.wellnessfarm.it/buff-fascia-antibatterica_14003/feed/ 0
La mascherina fa venire l’acne? https://www.wellnessfarm.it/mascherina-acne_14000/ https://www.wellnessfarm.it/mascherina-acne_14000/#respond Thu, 08 Oct 2020 09:00:00 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=14000 ... [continua a leggere]]]>

I disagi che ci impone la mascherina sono tanti, non possiamo negarlo, anche se sappiamo che indossarla è indispensabile per la salute di tutti. Tra i disagi che sono emersi più di frequente c’è pure l’acne, come se non bastassero già la cattiva respirazione e l’indecifrabilità delle espressioni del viso.

È pur vero che la comparsa di brufoli e altre irritazioni della pelle avviene per lo più in persone che hanno già una predisposizione al problema. Niente paura, non vi tornerà l’acne giovanile se non ne soffrite già. E non avete la pelle a tendenza impura non c’è nulla da temere.

Ma come fare a ridurre il problema quando si presenta nella zona interessata dalla mascherina, che spesso dobbiamo portare per molte ore di fila? Se poi dobbiamo metterla per fare sport, che provoca maggiore sudorazione?

L’ideale, dicono i dermatologi, è dedicarsi a una maggiore cura della pulizia della pelle del viso usando prodotti poco aggressivi come gel, mousse o acqua micellare e applicare una crema protettiva che funga da barriera.

Aiuta anche una buona scelta della mascherina, specialmente per lo sport: meglio senza elementi rigidi che la rendono più occlusiva favorendo ove possibile il distanziamento per poterla togliere di tanto in tanto evitando di tenerla troppe ore di fila sul viso. A patto, s’intende, che si possano garantire le condizioni di sicurezza di tutti.

]]>
https://www.wellnessfarm.it/mascherina-acne_14000/feed/ 0
Hai mai pensato di allenarti con il trail running? https://www.wellnessfarm.it/trail-running_13997/ https://www.wellnessfarm.it/trail-running_13997/#respond Tue, 06 Oct 2020 09:00:06 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=13997 ... [continua a leggere]]]>

In tempi di distanziamento sociale indispensabile abbiamo imparato non solo a gestire le relazioni interpersonali ma anche a modificare certe abitudini, incluse quelle sportive. Se correre sul tapis roulant in una palestra affollata non è saggio potrebbe non esserlo neanche farlo sul lungomare o in pista di atletica.

Mai considerato il trail running? Distanziamento assicurato, divertimento anche. Senza sacrificare l’allenamento. Si tratta di correre lungo tracce e sentieri fuori dai circuiti più battuti, scegliendo percorsi in campagna, in montagna o dentro il bosco. Il solo limite è la fantasia.

Con l’arrivo dell’autunno e temperature ben diverse dall’afa estiva può essere molto piacevole godersi l’aria aperta approfittando delle belle giornate. Per non parlare dei magnifici colori autunnali che la stagione di regala.

La qualità dell’aria sarà migliore rispetto alla corsa in città, specialmente se non si è tra i fortunati che possono contare su grandi parchi pubblici o aree verdi. Immergersi nella natura ci fa bene anche al di là dell’allenamento ma in questo modo possiamo coniugare le due cose.

Inoltre il terreno meno regolare ci consente di accentuare il lavoro sui muscoli della parte inferiore del corpo costituendo una bella sfida se si desidera provare a fare un passo in più rispetto alla solita corsa su asfalto. Si rafforzano maggiormente gambe e core. Ma per mantenere l’equilibrio si lavora di più anche con le braccia e più in generale la postura e si migliorano coordinazione e propriocezione.

]]>
https://www.wellnessfarm.it/trail-running_13997/feed/ 0
Garmin Venu SQ: lo smartwatch leggero, performante ed economico https://www.wellnessfarm.it/garmin-venu-sq_13992/ https://www.wellnessfarm.it/garmin-venu-sq_13992/#respond Thu, 01 Oct 2020 09:00:43 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=13992 ... [continua a leggere]]]>

Garmin arriva con una nuova proposta che non vediamo l’ora di scoprire: si chiama Venus SQ e opta per forme squadrate con bordi arrotondati che ricordano un po’ la Apple. Si tratta della versione più economica del precedente Garmin Venu.

Le animazioni degli esercizi non ci sono, lo schermo anziché Amoled è a cristalli liquidi e la cassa in alluminio anodizzato anziché in acciaio inox. Piccole variazioni che rendono il tracker più economico ma non meno performante.

La batteria dura sei giorni e ha un modulo gps integrato che consente di interagire con Garmin Connect. Diventa quindi una alternativa molto valida per sportivi amatoriali che non voglio spendere troppo ma neanche rinunciare al meglio della tecnologia attuale.

Lo schermo resta touch e la navigazione è semplice e intuitiva. È anche più leggero rispetto al modello precedente con un peso di appena 37,6 grammi rispetto ai 46,3 del modello Venu classico. Ha sensore di frequenza cardiaca che rileva le pulsazioni h24, accelerometro, sensore di luminosità per migliorare la leggibilità dello schermo.

E ovviamente si interfaccia con lo smartphone via Bluetooth, riceve le notifiche e integra anche il sistema Garmin Pay per pagare direttamente dall’orologio. Inoltre tramite app rileva livelli di stress, ciclo mestriale, quantità e qualità del sonno. Oltre allo sport, è ovvio. Ne prevede 20, nuoto incluso perché è resistente all’acqua fino a 5 atmosfere.

]]>
https://www.wellnessfarm.it/garmin-venu-sq_13992/feed/ 0
Quali sono le differenze tra yoga e pilates https://www.wellnessfarm.it/differenze-yoga-pilates_13989/ https://www.wellnessfarm.it/differenze-yoga-pilates_13989/#respond Tue, 29 Sep 2020 09:00:26 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=13989 ... [continua a leggere]]]>

È vero, si somigliano parecchio e si somigliano perché il medico svizzero che ideò il metodo del pilates allo yoga si ispirò direttamente. Ma quali sono esattamente le differenze tra le due discipline? Come si fa a scegliere quella più giusta per noi?

Visto il recente boom dello yoga, che durante la quarantena è diventato per molti la disciplina ideale da praticare a casa, in tanti sono stati tentati dal provare a iscriversi a un corso per continuare questo percorso. Ma in troppi pensano ancora che yoga equivalga a rilassamento e stretching. Non è proprio così.

La prima e più evidente differenza tra yoga e pilates consiste nell’approccio stesso alla disciplina: mentre il pilates nasce come un lavoro prettamente fisico, lo yoga ha un consistente risvolto spirituale. Gli asana che si praticano in combinazione con il respiro hanno lo scopo di avviare a una pratica meditativa e non solo fisica.

Sì, lo scopo finale dello yoga è quello di placare la mente e trovare uno spazio di meditazione ma non si raggiunge sdraiandosi e rilassandosi. Quella è la meta, il cammino può essere anche molto impegnativo da un punto di vista fisico. Specialmente se si sceglie una variante dinamica dello yoga.

Un’altra differenza importante è che mentre lo yoga si serve esclusivamente del corpo, il pilates può utilizzare anche alcuni attrezzi, che possono essere una fitball, elastici o altri strumenti. O addirittura una specifica macchina chiamata reformer.

Ambedue le discipline tuttavia lavorano molto sulla postura, il core e la muscolatura profonda, la mobilità articolare e la flessibilità. Seguono una via simile e rispettano principi fisici molto vicini tra loro (controllo, allineamento) ma con un punto di vista molto diverso e un diverso obiettivo.

Il pilates inoltre è spesso al servizio di altre ragioni: ad esempio è utile in un percorso riabilitativo oppure lo praticano anche i ballerini per rafforzare i muscoli. Lo yoga invece persegue uno scopo fine a se stesso: intraprendere un percorso di conoscenza, prima di tutto di se stessi.

]]>
https://www.wellnessfarm.it/differenze-yoga-pilates_13989/feed/ 0
Nike (M), la nuova linea sport per donne in gravidanza e neomamme https://www.wellnessfarm.it/nike-m-linea-sport-gravidanza_13981/ https://www.wellnessfarm.it/nike-m-linea-sport-gravidanza_13981/#respond Thu, 24 Sep 2020 09:00:23 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=13981 ... [continua a leggere]]]>

Nuova linea sportiva dedicata a donne in gravidanza e neomamme: la firma Nike che sceglie di adattare le sue collezioni anche a chi non si era mai pensato prima. Non adeguatamente, almeno. Adesso anche le future mamme e le neomamme potranno fare sport indossando capi tecnici e confortevoli che non stringono proprio intorno alla pancia.

La collezione si chiama Nike (M) e si compone di soli 4 pezzi, tutti basici e pensati per adattarsi a diversi tipi di attività fisica. È stata realizzata ascoltando le esigenze e i desideri di 30 atlete incinte o in post-partum e in questo modo si sono ottimizzate non solo le funzionalità di ogni capo ma anche la loro vestibilità.

La linea è disponibile dallo scorso 17 Settembre, data del suo lancio ufficiale. Comprende una maglia, un reggiseno, un paio di leggings e una canotta. Il design è volutamente minimale per vestire tutte le donne. Certo ci sarebbe piaciuto qualche opzione cromatica in più, magari una stampa. Ma l’inclusività si raggiunge un passo alla volta e il primo è stato compiuto.

“Più ascoltavamo le mamme in attesa e le mamme in post-partum, più imparavamo, rielaboravamo e innescavamo processi di innovazione attraverso un design inclusivo” – hanno fatto sapere da Nike. E visto che molte mamme in attesa o che hanno appena partorito continuano a fare sport, perché non adattare i capi anche alle loro esigenze in un momento di cambiamento così delicato?

]]>
https://www.wellnessfarm.it/nike-m-linea-sport-gravidanza_13981/feed/ 0
Nike può farti ringiovanire in volo? Non proprio, ma quasi: ecco come https://www.wellnessfarm.it/nike-aereo_13972/ https://www.wellnessfarm.it/nike-aereo_13972/#respond Tue, 22 Sep 2020 09:00:37 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=13972 ... [continua a leggere]]]>

Teague non ha paragoni quando si tratta di progettare gli interni di un Boeing: ha esperienza, ha innovazione e ha sorprese a mai finire. E ci sorprende eccome con la sua nuova idea realizzata in collaborazione con Nike.

Si chiama Athlete’s Plane e ha come scopo quello di far giungere gli atleti a destinazione nella migliore forma fisica. Ciò significa che i fusi orari, la stanchezza della lunga trasvolata, lo stress della partita imminente saranno annullati in volo. E anche qualcosa in più.

Secondo Nike e l’azienza di Seattle che ha realizzato l’idea, il nuovo aereo Boeing 787 Dreamliner consente di essere in perfetta forma sia fisicamente che mentalmente per dare il meglio sul campo. E noi già sogniamo, anche senza essere atleti professionisti, un volo che somiglia a una spa.

Il design è stato realizzato insieme a trainer della Nike e dopo aver intervistato un gran numero atleti professionisti per capire quali fossero le loro esigenze. L’aereo dunque è suddiviso in zone che possano rispondere a tutte.

Ci sono un’area di recupero per il ringiovanimento (wow!), una zona di allenamento per tonificare i muscoli, comodi letti per la migliore qualità del sonno, persino uno spazio per analizzare i risultati di gare passate e capire come migliorare. Senza contare il monitoraggio biometrico durante tutto il volo.

Anche i semplici sedili sono stati immaginati per essere adeguati alle dimensioni dei vari atleti oltre che favorire una postura ideale per rilassare completamente il corpo. E allo stesso scopo sono state ideate le aree per il sonno: dormire abbastanza non è tutto, bisogna anche dormire bene.

]]>
https://www.wellnessfarm.it/nike-aereo_13972/feed/ 0
Ecco cos’è il Kunyaza: piacere femminile al primo posto https://www.wellnessfarm.it/kunyaza_13969/ https://www.wellnessfarm.it/kunyaza_13969/#respond Thu, 17 Sep 2020 09:00:51 +0000 https://www.wellnessfarm.it/?p=13969 ... [continua a leggere]]]>

Hai già sentito parlare di Kunyaza? Ha a che fare con il piacere femminile e un modo di vivere la sessualità che probabilmente vorrai provare. In Ruanda, è lì che nasce tutto, “l’acqua sacra che sgorga nel mondo attraverso l’orgasmo femminile” è proprio quel che si chiama Kunyaza.

Arrivare al Kunyaza per una donna significa raggiungere il masimo picco del piacere dando spazio a un’espressione di sé che (troppo) spesso viene sacrificata nel rapporto sessuale con il partner. C’è un’antica leggenda all’origine di ogni cosa.

La storia originaria parla di una regina ruandese che per le lunghe assenze del marito chiede a uno schiavo di soddisfarla sessualmente. L’uomo, intimidito dalla potente regina, si avvicina a lei tremante. Sono questi tremiti a darle piacere fino a creare il Lago Kivu.

L’eiaculazione femminile, spesso considerata un mito irraggiungibile (specialmente dagli uomini), è stata per lungo tempo relegata negli spazi più vergognosi della vita sessuale di una donna. Tanto più che Freud l’aveva associata all’isteria.

Il Kunyaza recupera questa dimensione di godimentro reciproco che dà soddisfazione a entrambe le persone coinvolte nel rapporto. Insomma, sapendo che per il raggiungimento del benessere bisogna lavorare su tutti gli ambiti, possiamo impegnarci anche su questo fronte. Il benessere sessuale d’altronde non è certo meno importante di altri.

]]>
https://www.wellnessfarm.it/kunyaza_13969/feed/ 0