Oggi su Wellness Farm

Il ritorno in palestra: come scegliere quella giusta

Il ritorno in palestra: come scegliere quella giusta

Bibite senza alcol, è sempre tutto vero?

Bibite senza alcol, è sempre tutto vero?

Lo yoga mat interattivo

Lo yoga mat interattivo

Correre in spiaggia per allenarsi d’estate, ma come farlo in modo sicuro?

Ci sono due scuole di pensiero ugualmente valide riguardo allo sport estivo: chi si riposa e riprende a settembre perché ritiene di meritare una pausa e godersi le vacanza; chi non molla neanche con le temperature più roventi e continua ad allenarsi ovunque si trovi.

Nella seconda categoria rientra senz’altro chi decide di correre sulla spiaggia. È piacevolissimo, specialmente la mattina presto oppure al tramonto quando la brezza è fresca, il sole è lieve e un bagno rinfrescante subito dopo rende tutto più gradevole. Ma è sempre sicuro?

Vediamo quali sono gli accorgimenti utili da adottare per godersi la corsa sulla spiaggia in totale sicurezza, evitando di farsi male o affaticare articolazioni e muscoli. Nel frattempo rifiniamo anche l’abbronzatura e ci godiamo il paesaggio. Cosa può esserci di meglio?

Dal momento che non siamo abituati al nuovo fondo, specie se di solito corriamo in strada o in pista, è utile iniziare a correre in spiaggia gradualmente, senza pretendere di fare le distanze o i tempi a cui siamo abituati in città. Può essere una mossa furba anche cambiare le scarpe perché non sempre quelle pensate per il running su superfici dure sono efficaci sulla sabbia. Un’altra opzione è provare a correre scalzi ritrovando anche un contatto naturale del piede con il suolo.

La velocità va adattata al nuovo fondo visto che le reazione del piede sul suolo più morbido è decisamente diversa. Il rischio di lesioni è in agguato se esageriamo credendo di poter tenere le nostre velocità medie su strada anche sulla spiaggia. Va considerata anche la compattezza della sabbia stessa, che può essere più morbida o più soda anche dall’oggi al domani. Cambiano la biomeccanica come il consumo energetico.

Ovviamente l’impegno muscolare cresce quando corriamo in spiaggia quindi teniamo conto anche della durata dell’allenamento per evitare di sovraccaricare i muscoli. Saremo anche abituati a correre per un’ora sull’asfalto, ma la sabbia è tutt’altra storia. Ricordiamoci anche di cambiare direzione di tanto in tanto per evitare di abituarci alla pendenza sempre da un lato.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese