Oggi su Wellness Farm

Lo sport aiuta a imparare nuove lingue e a suonare uno strumento

Lo sport aiuta a imparare nuove lingue e a suonare uno strumento

Questo è l’alimento della felicità (perché alza la serotonina)

Questo è l’alimento della felicità (perché alza la serotonina)

La regola 7-38-55 per comunicare meglio

La regola 7-38-55 per comunicare meglio

Come scegliere i guanti per fitboxing

Ti sei decisa, ti sei iscritta a quel corso di fitboxing e ti piace pure l’idea di scaricare i nervi ed eliminare lo stress a suon di pugni. Magari immaginando sul sacco la faccia di chi ti ha fatto penare tutto il giorno in ufficio. Ma ti serve ancora una cosa: i guanti. Come sceglierli? Ecco qualche consiglio.

Combinando il meglio del fitness con le tecniche tipiche delle arti marziali, il fitboxing è un allenamento completo e ad alto impatto che non incide solo sul corpo – migliorando la tonicità muscolare e il sistema cardiorespiratorio – ma anche sullo stress. Unica controindicazione: ci si fa male alle nocche, a forza di picchiare. Ecco perché ti servono i guanti giusti.

Primo elemento a cui fare attenzione, il materiale: che sia comodo da indossare sulle mani, ti conceda sufficiente spazio ma non rimanga troppo aderente. Deve essere anche solido per proteggere efficacemente la pelle dalle escoriazioni e dagli urti. Meglio non risparmiare sul materiale e fare un investimento più corposo o dovrai cambiarli entro breve tempo finendo per spendere di più.

Tieni conto anche dello spessore del materiale che deve essere minimo di 15 millimetri altrimenti la protezione dai colpi non sarà sufficiente. La maggior parte dei guanti di buona qualità sono di 18-20 millimetri per garantire ottima protezione ma mantenere la sensibilità delle mani per gestire i movimenti. Verifica anche l’ergonomia del guanto sulla tua mano: per questo è sempre meglio provarli di persona.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese