Oggi su Wellness Farm

Come il nuoto ti migliora la vita (per davvero e in molti modi)

Come il nuoto ti migliora la vita (per davvero e in molti modi)

I calendari dell’Avvento in stile fitness

I calendari dell’Avvento in stile fitness

Bownce, allenarti in poco spazio si può fare

Bownce, allenarti in poco spazio si può fare

Cancro, dopo la carne anche il caffè!

caffè-espresso

Dopo la carne anche il caffè tra i sospettati di provocare il cancro. L’OMS, nel corso delle sue indagini avrebbe focalizzato la sua attenzione anche su questa bevanda tanto amata in tutto il mondo alla quale sarebbe stato assegnato il livello 2B corrispondente ai cibi “Forse cancerogeni”.

L’OMS ha intenzione di fare ulteriori indagini sul caffè e sulla possibilità che possa provocare il cancro. Sotto la lente di ingrandimento anche altre bevande come il tè e Yerba mate. Gli accertamenti sono previsti per il prossimo maggio. A occuparsene sarà IARC, Associazione Internazionale per la Ricerca sul cancro, come accaduto per la carne rossa processata o fresca.
La data di presentazione del rapporto sul rischio tumori in relazione al caffè è fissata per la settimana che andrà dal 24 al 31 maggio 2016. Si è conclusa il 25 settembre la raccolta dati da parte degli esperti che saranno chiamati a valutare la pericolosità della bevanda, mentre ci sarà tempo fino al 22 aprile 2016 per le ulteriori segnalazioni, aperte a chiunque.

Prima del rapporto sul livello di pericolosità che coinvolge il caffè e d altre bevande calde, si attende un documento che indicherà il grado di cancerogenità di alcuni agenti chimici nel settore industriale.
L’annuncio sulla possibilità che il caffè possa far aumentare il rischio di contrarre il cancro arriva dopo l’allerta tumori sulla carne rossa processata alla quale è stato associato il livello di rischio 1 (massima pericolosità) equivalente a “Evidenza sufficiente riscontrata nell’uomo. Stabilita una relazione casuale”.
Non arrivano insomma buone notizie per gli amanti del caffè. Ma attenzione agli allarmismi perché un vero e proprio verdetto deve ancora arrivare.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese