Oggi su Wellness Farm

Smagliature addio con l’avocado

Smagliature addio con l'avocado

Un frullato abbronzante

Un frullato abbronzante

Come proteggere i capelli dal sole e dalla salsedine

Come proteggere i capelli dal sole e dalla salsedine

Tintarella sicura con un’app

Le belle giornate stanno arrivando, le temperature aumentano, e viene voglia prendere un po’ di sole. La Fondazione Melanoma ha creato una nuova applicazione “Salvati la pelle”, scaricabile gratuitamente su iPhone dall’Apple Store, nei prossimi mesi è prevista anche la versione per Android. L’obiettivo è quello di aiutare le persone a prendere il sole con le dovute precauzioni. L’app è anche in grado di consigliare quale tipo di protezione utilizzare in base al fototipo di pelle.

 “L’esposizione eccessiva ai raggi UV – spiega il prof. Paolo Ascierto, presidente della Fondazione Melanoma – raddoppia il rischio di sviluppare il melanoma, che aumenta ulteriormente nelle persone con pelle chiara. L’app è molto facile da usare, anche da parte di bambini e anziani”.  “Con l’arrivo della primavera – prosegue Ascierto – le occasioni per stare all’aria aperta aumentano, ma il sole va sempre evitato nelle ore centrali della giornata, fra le 12 e le 16. Quando i raggi sono troppo intensi, la app consiglia di non esporsi in alcun modo”.

L’applicazione grazie a un dispositivo GPS individuerà la posizione e confronterà le coordinate degli utenti con i dati provenienti dai satelliti ESA (Agenzia Spaziale Europea). In questo modo, è in grado di rilevare l’intensità dei raggi UV nel luogo esatto in cui ci si trova, fornendo informazioni sullo strato dell’ozono. Inoltre contiene schede di approfondimento sui diversi fototipi in base alla classificazione dell‘Organizzazione Mondiale della Sanità e sui possibili danni e benefici dei raggi ultravioletti. “Un contagiri colorato mostra l’intensità dei raggi ultravioletti e il tempo di esposizione consentito, calcolato come dato medio in base ai diversi fototipi – conclude il dott. Giovanni Cucchiara, amministratore delegato di Clinical Research Technology, l’azienda che ha realizzato l’applicazione — Ad esempio, se viene rilevata un’intensità dei raggi UV molto elevata, l’app avverte di non esporsi in nessun modo”.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese