Oggi su Wellness Farm

Lab224 Watercare Showerhead, la spa nella tua doccia

Lab224 Watercare Showerhead, la spa nella tua doccia

Iniziare ad allenarsi in estate: consigli per farlo con successo

Iniziare ad allenarsi in estate: consigli per farlo con successo

Metabolismo lento: possiamo accelerarlo?

Metabolismo lento: possiamo accelerarlo?

Prevenire l’infarto con un prelievo di sangue

In futuro basterà un prelievo di sangue per scoprire se si corre il pericolo di essere colpiti da infarto o da problemi cardiaci. Non è fantascienza ma realtà. Uno studio ha scoperto come fare e potrebbe molto presto rivoluzionare il mondo della prevenzione a livello “cardiaco”.

Una vera e propria innovazione nel campo della prevenzione medica a cui si è arrivati grazie alla scoperta di un team di scienziati che è stata pubblicata sulla rivista specializzata Plos Genetics. Quest’ultimi, infatti, hanno scoperto una sostanza esistente nel plasma dei soggetti che rischiano la malattia delle arterie coronarie, ossia vasi sanguigni che si trovano attorno al cuore e che gli conferiscono ossigeno. Basterà così un prelievo di sangue per sapere se si corre o meno il rischio di avere un infarto.

La patologia delle coronarie è correlata in modo diretto al pericolo di infarto: se uno dei vasi sanguigni cede o viene bloccato dalla lacerazione di una placca di arteriosclerosi, l’infarto del miocardio sarà inevitabile. Gli studiosi, dell’Università di Uppsala in Svezia, dell’Istituto Karolinska di Stoccolma e della Colorado State University, diretti da Erik Ingelsson, esaminando campioni di sangue raccolti su ben 3600 individui (il cui stato di salute è stato monitorato per 10 anni), hanno individuato in tre gruppi di popolazioni due molecole di grasso che fanno calare il rischio della malattia delle arterie coronariche; successivamente hanno separato un’altra molecola, un monogliceride, correlata invece a un rischio maggiore di malattie coronariche che portano l’infarto. Un grande passo avanti che in futuro potrebbe dare una svolta alla prevenzione delle malattie cardiache, sarà necessario fare solo un prelievo, una semplice analisi del sangue per capire cosa riserva il futuro al nostro cuore. Ora bisognerà attendere ulteriori riscontri ma, pare che l’efficacia sia comprovata e i risultati attendibile.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese