Oggi su Wellness Farm

Come il nuoto ti migliora la vita (per davvero e in molti modi)

Come il nuoto ti migliora la vita (per davvero e in molti modi)

I calendari dell’Avvento in stile fitness

I calendari dell’Avvento in stile fitness

Bownce, allenarti in poco spazio si può fare

Bownce, allenarti in poco spazio si può fare

Elena Sofia Ricci: ‘Con le rughe mi piaccio di più’

Elena Sofia Ricci a 55 anni è in splendida forma e come riporta Vanity Fair, durante il Cortinametraggio, ha detto di amarsi di più oggi con le rughe che “ieri con i complessi”.

“Ci sono stati anni bui, malinconici: è successo da ragazza, quando la vita ha rischiato di scorrermi affianco invano, che non riuscissi a prenderla per il verso giusto – ha raccontato l’attrice – Per questo, oggi che ho 55 anni, non posso lamentarmi della mia età, né posso morire facendo solo televisione. Che è bellissima, stupenda, ma sento un bisogno naturale di teatro, rinnovamento, impegno, linfa, regia”.

“Io non mi sono mai sentita bella – ha rivelato Elena Sofia Ricci Ho sempre salvato il mio viso più del mio fisico: bello il seno, brutte le gambe. Ma se prendo una foto di quando avevo 25 anni con zero rughe com’ero allora mi piace meno di come sono oggi che è subentrata pure la tenerezza, per questo mio corpo. Invecchiare significa proprio questo: fregarsene che non è più lui il punto di forza su cui puntare”.

Ma c’è qualcosa del tempo che passa che le fa un po’ paura: “Lo spavento è della malattia, del dolore: sono circondata di persone che stanno male, e lottano, e quando incontro i loro sguardi che con me sono stati felici vedo le mie paure, che in fondo sono le paure di tutti, ma quando inizi a non avere più 30 anni, e non sono più 40, e non sono più neanche 50, ecco, senti più vicina l’idea di una sofferenza, di una dipartita precoce, e questo ti spaventa – ha spiegato Elena Sofia RicciLo fa perché hai le tue figlie ancora giovani, e tanto da volere vivere ancora. Per cui aumenta l’urgenza di volere trasmettere le cose che ti sono rimaste da dire e ancora non hai detto. Il godimento? Nel comprendere che non si può sprecare più niente, che c’è solo da fermare i momenti belli. Sono almeno due ogni giorno: quando ti svegli e quando vai a dormire stando bene”.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese