Oggi su Wellness Farm

Dieta? Rimandatela a settembre!

Dieta? Rimandatela a settembre!

Gli alimenti per un’abbronzatura perfetta

Gli alimenti per un'abbronzatura perfetta

Un frullato indratante e dimagrante

Un frullato indratante e dimagrante

Più di 1/3 dei tumori nasce a tavola

Più di un terzo dei tumori nasce a tavola, ma con la giusta alimentazione possiamo prevenirli e aiutare il nostro corpo a combatterli, ha dichiarato Antonio Moschetta, direttore scientifico dell’Istituto Oncologico di Bari che il 7 novembre interverrà all’Università di Chieti in uno degli incontri organizzati dall’Airc, l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, in occasione dell’appuntamento annuale “Giorni della ricerca”.

Intervistato da La Stampa, l’esperto ha spiegato: Studi di nutrigenomica e nutrigenetica hanno evidenziato che la predisposizione dell’individuo a sviluppare una specifica patologia, come un tumore, non risiede solo nel corredo genetico, ma nell’abilità dei nutrienti assunti di “accendere” o “spegnere” geni specifici. In particolare le mutazioni del Dna responsabili dell’insorgenza di un tumore sono il più delle volte causate da un cancerogeno di origine alimentare che, a contatto con una cellula, ha la possibilità di mutarla. Questa cellula mutata può essere riconosciuta dall’organismo, che provvede ad eliminarla attraverso un meccanismo chiamato “morte cellulare programmata” o apoptosi. Abitudini alimentari errate possono compromettere questo meccanismo di difesa e impedire quindi il suicido della cellula malata che, invece, inizia a proliferare”. Ma a quanto punto non finisce il ruolo dell’alimentazione ha proseguito Moschetta: Sappiamo che le cellule tumorali sopravvivono senza ossigeno e sono in grado di produrre energia attraverso il glucosio, che è la loro benzina. Quindi, se riuscissimo a diminuire l’avidità per il glucosio della cellula tumorale, riducendo l’assunzione di zuccheri, e a riaccendere i cosiddetti “polmoni delle cellule”, i mitocondri, la cellula potrebbe tornare a utilizzare l’ossigeno e a cambiare così il suo assetto metabolico. In questo modo si riattiverebbe il meccanismo di difesa dell’apoptosi e la cellula malata morirebbe.

Il medico ha poi spiegato quali sono gli errori compiuti a tavola che possono  generare un cancro: “In 30 anni il nostro stile di vita ci ha portato ad abbandonare gli alimenti tipici della dieta mediterranea, preferendo un tipo di dieta troppo raffinata, come cibi ricchi di zucchero e di conservanti. Un altro errore comune è l’orario con cui assumiamo gli zuccheri: prima si assumevano a colazione e a pranzo, mentre alla sera si cenava poco e ci si coricava presto, rispettando quindi i ritmi circadiani del metabolismo. Oggi gli orari dei pasti sono slittati, favorendo una maggiore assunzione di zuccheri nella seconda parte della giornata. L’assunzione di zuccheri alla sera – ha proseguito – quando la richiesta di glucosio da parte degli organi è fortemente ridotta, fa sì che i grassi si depositino nel fegato, generando il cosiddetto “fegato grasso”, mentre alcuni di essi possono depositarsi nella zona addominale. L’accumulo di grassi nella regione addominale genera la condizione alterata e patologica dell’adiposopatia, che sembra giocare un ruolo importante nell’istaurarsi dell’iperinsulinemia. Tutto questo fa sì che l’assetto metabolico venga compromesso, creando un ambiente fertile per il tumore”. E con il cibo si può fare qualcosa anche per curarsi ha sottolineato sempre Moschetta: Per combattere l’infiammazione che caratterizza l’ambiente in cui si trovano le cellule tumorali si può ridurre drasticamente il consumo di proteine animali, cioè di carne, e privilegiare le proteine di origine vegetale, che aiutano a creare un ambiente antinfiammatorio”. Gli alimenti anti-cancro per eccellenza ha poi detto sono “quelli tipici della dieta mediterranea. Frutta e verdura, ad esempio, abbassano l’indice glicemico dall’organismo, riducendo il carburante di cui si nutrono le cellule tumorali: sono consigliati le crucifere (broccoli e rucola), i pomodori, le fragole, le arance. Inoltre, gli alimenti ricchi di antiossidanti – come il tè verde, lo zenzero, la curcuma – sono in grado di “detossificare”, aiutandolo a disinnescare potenziali formazioni tumorali”. “Oggi – ha poi concluso Moschetta – si sta lavorando per conoscere i meccanismi attraverso i quali gli alimenti e i composti in essi contenuti sono in grado di cambiarci dal profondo, modificando i nostri geni e rendendoci più forti o più vulnerabili. L’obiettivo è conoscere l’alimentazione giusta ad personam, che come per le terapie farmacologiche individualizzate si dimostrerà una strategia vincente. E’ per questo che dobbiamo sostenere la ricerca attraverso la distribuzione dei fondi con merito e controllo della produttività, proprio come fa l’Airc, e i risultati degli ultimi 40 anni lo dimostrano, con l’aumento della cura dei tumori fino al 56% dei casi”.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese