Oggi su Wellness Farm

5 cibi da evitare per combattere la cellulite

5 cibi da evitare per combattere la cellulite

Maschera viso all’ananas: facile da preparare!

Maschera viso all'ananas: facile da preparare!

Guaranà, un energizzante che fa dimagrire

Guaranà, un energizzante che fa dimagrire

Caffè contro il tumore al seno

caffe_tumore_al_senoDue tazzine di caffè al giorno dimezzano il rischio di tumore al seno. Lo sostengono alcuni ricercatori svedesi della Lund University, secondo i quali il caffè sarebbe efficace soprattutto nella prevenzione delle recidive nelle donne colpite in precedenza dalla patologia tumorale.

Secondo lo studio, il caffè previene il tumore al seno interrompendo la crescita di tumori nelle donne trattate in precedenza con tamossifene, farmaco antitumorale utilizzato in terapie di tipo ormonale nelle pazienti che non hanno ancora attraversato la fase della menopausa. La maggior parte delle forme cancerogene si affidano agli ormoni estrogeni per il proprio sviluppo ed è proprio qui che questo farmaco va ad agire, interrompendo il “nutrimento” delle cellule tumorali.

Durante lo studio, i ricercatori hanno preso in esame la risposta di circa 1090 pazienti alle quali era stato diagnosticato un tumore al seno. I risultati hanno evidenziato che più di 500 donne trattate con tamossifene e coloro che avevano bevuto almeno due tazzine di caffè al giorno hanno mostrato una percentuale di rischio recidiva dimezzata rispetto alle pazienti che avevano consumato meno caffè o non ne avevano bevuto affatto.

La dottoressa Ann Rosendhal, ricercatrice della Lund University, ha spiegato: “Lo studio mostra anche che coloro che hanno bevuto almeno due tazze di caffè al giorno hanno registrato tumori di minore grandezza e una ridotta proporzione di tumore ormoni-dipendenti. Abbiamo riscontrato che questo accadeva già al momento della diagnosi”. Secondo la dottoressa la caffeina spingerebbe le cellule tumorali a dividersi con minore frequenza e a morire più spesso, soprattutto se la sua assunzione è abbinata a una terapia a base di tamossifene.

La Rosedhal ha infine sottolineato che non bisogna esagerare con il caffè e ha anche parlato dell’importanza di seguire scrupolosamente le prescrizioni mediche: “Sono incredibilmente importanti – ha detto – ma se ti piace il caffè e stai prendendo anche il tamossifene non ci sono ragioni per smetterlo di berlo. Appena due tazze al giorno sono sufficienti a fare la differenza”.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese