Oggi su Wellness Farm

Esercizio fisico e attività fisica sono due cose diverse: ecco perché

Esercizio fisico e attività fisica sono due cose diverse: ecco perché

Questa è l’ora giusta in cui andare a dormire, parola di scienza

Questa è l’ora giusta in cui andare a dormire, parola di scienza

La maggior parte delle persone respirano male, lo sapevi?

La maggior parte delle persone respirano male, lo sapevi?

La dieta mima-digiuno per vivere a lungo

dieta_mima_digiunoSecondo una ricerca condotta da cinque anni da un folto gruppo di scienziati guidati da Valter Longo, direttore dell’Istituto di longevità della University of Southern California, e direttore del programma di ricerca “Oncologia & longevità” all’Istituto Firc di oncologia molecolare di Milano, esiste una forma particolare di digiuno che può prevenire le malattie, rallentare l’invecchiamento e di conseguenza allungare la vita.

Si tratta della dieta mima-digiuno (Dmd) che prevede un’alimentazione a basso contenuto di proteine e basissimo livello di zuccheri per cinque giorni ogni 3/6 mesi. “Questo provoca un miglioramento della salute, abbassamento dei fattori di rischio associati all’invecchiamento come ad esempio le malattie cardiovascolari, il diabete, l’obesità e il cancro – spiega Longo – Di conseguenza l’invecchiamento viene rallentato stimolando soprattutto una rigenerazione dei tessuti basata sulle cellule staminali”.
La dieta mima-digiuno, come viene spiegato sulla rivista Cell Metabolism, rafforza il sistema immunitario e nervoso eliminando le cellule danneggiate e inutili assicurando invece la formazione di nuove secondo un processo naturale come avveniva alla nascita e durante la crescita. “I tempi e i modi devono della dieta essere seguiti da un medico perché è necessario tener conto delle condizioni fisiche in cui uno si trova – precisa Longo – E dopo i cinque giorni si può tornare all’alimentazione alla quale si era abituati in precedenza”.

La dieta mima-digiuno deve continuare tutta la vita ed è composta di vegetali, con zuppe e barrette di noci, e rappresenta un passo ulteriore rispetto al risultato pubblicato da Longo l’anno scorso dove, con un periodico digiuno totale, affamando le cellule tumorali favoriva effetti positivi durante la chemioterapia proprio perché proteggeva le cellule sane dalla tossicità. Ora gli studi clinici continuano su gruppi più numerosi di pazienti mentre la dieta sarà presto oggetto di valutazione da parte della Food and Drugs Administration americana per la prevenzione e il trattamento delle malattie.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese