Oggi su Wellness Farm

Mettersi il cetriolo sugli occhi funziona veramente?

Mettersi il cetriolo sugli occhi funziona veramente?

Animal Flow, la ginnastica bestiale

Animal Flow, la ginnastica bestiale

5 app utili per monitorare il ciclo mestruale

5 app utili per monitorare il ciclo mestruale

La dieta Mima Digiuno fa bene alla salute

La dieta Mima Digiuno fa bene alla salute. Il regime alimentare ideato dai ricercatori dell’University of Southern California a Los Angeles è “fattibile, sicura ed efficace nell’uomo”.

Questo è quanto emerge dal primo studio clinico pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine, condotto dall’italiano Valter Longo, direttore del Longeviy Institute della USC e del Laboratorio di Longevità e Cancro all’Istituto IFOM di Milano.

La dieta Mima Digiuno fa bene alla salute in quanto ridurrebbe il rischio di malattie cardiovascolari, diabete, malattie cardiache e legate all’invecchiamento, attraverso i meccanismi di ringiovanimento e rigenerazione dei tessuti che questo tipo di dieta scatena.
Questo regime alimentare è composto da proteine (11.14%), carboidrati (42-43%) e grassi (46%), per un consumo calorico complessivo tra le 750 e le 1000 calorie al giorno.

La dieta Mima Digiuno, scrivono gli autori dello studio, è “fattibile, sicura ed efficace nella riduzione della massa corporea, del grasso corporeo totale e di quello addominale, della pressione sanguigna sistolica, così come del fattore di crescita insulino-simile, IGF-1”.
La dieta, seguita per cinque giorni consecutivi una volta mese per tre mesi da un centinaio di soggetti di età compresa tra i 20 e 70 anni reclutati in California, ha ridotto fattori di rischio cardiovascolari tra cui la pressione sanguigna, i segni di infiammazione (misurata dai livelli di proteina C-reattiva), così come il livello di glucosio a digiuno e quelli del fattore di cresciuta insulino-simile di tipo 1, coinvolto nei processi delle biomolecole e regolatore chiave della proliferazione cellulare.

La dieta Mima Digiuno ha inoltre portato a una riduzione del girovita e a una partita di peso, di grasso corporeo totale e del grasso addominale, ma non della massa muscolare.
“Il miglioramento dei valori di pressione, colesterolo, glucosio, IGF-1 è stato significativo nei soggetti che li avevano fuori norma, mentre in chi li aveva nella norma sono rimasti inalterati; anche se per esempio igf-1 è sceso anche se in misura minore, anche nei pazienti con valori normali ma potenzialmente rischiosi”, ha spiegato Longo. Dalle visite di controllo, realizzate a circa tre mesi dalla fine della sperimentazione, è emerso che “la maggior parte degli effetti era ancora presente, anche se i fattori stavano risalendo – ha spiegato Longo – Quindi pensiamo che gli effetti in media durino dai 2 ai 4 mesi”.

“Siamo vicini ad iniziare a reclutare pazienti con diabete e malattie autoimmuni (mentre siamo quasi alla fine degli studi su quelle neoplastiche) per i nuovi studi clinici di fase III al termine dei quali la Food and drug administration (FDA, ente governativo americano che si occupa che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici) potrebbe approvare la dieta mima digiuno come trattamento”, ha annunciato Longo.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese