Oggi su Wellness Farm

Il segreto della felicità di coppia non è l’amore, parola di scienza

Il segreto della felicità di coppia non è l’amore, parola di scienza

Calisthenics: ecco come si allena Lorella Cuccarini

Calisthenics: ecco come si allena Lorella Cuccarini

Jip Up, l’accessorio per fare plogging durante la corsa all’aperto

Jip Up, l’accessorio per fare plogging durante la corsa all’aperto

Gambe gonfie, ecco cosa mangiare e cosa no

Gambe gonfie? Ecco cosa mangiare e cosa no. L’alimentazione infatti è basilare per combattere questo disturbo che con l’arrivo della bella stagione tende ad acutizzarsi.

“Un eccessivo consumo di alimenti processati, estremamente raffinati, ricchi di zuccheri e soprattutto di sodio, può influire negativamente e aumentare il rischio di ritenzione idrica promuovendo gonfiore e pesantezza degli altri inferiori”, spiega il dottor Daniele Basta, biologo nutrizionista, a Vanity Fair.

Per sgonfiare le gambe bisogna quindi consumare cibi drenanti come frutta e verdura di stagione che grazie alle loro proprietà diuretiche aiutano a eliminare le tossine e le sostanze di scarto, responsabili di gonfiore e pesantezza: “Non solo contengono tante vitamine e minerali preziosi, come potassio e magnesio, ma sono ricchi di acqua e di composti bioattivi, importanti nel contrastare la ritenzione dei liquidi in eccesso”, sottolinea l’esperto.

Le gambe gonfie a tavola si combattono anche con l’introduzione nella dieta di fibre e antiossidanti: “Diversi  studi– afferma il  nutrizionista – hanno evidenziato che il consumo di alimenti ricchi di fibre in particolare cereali integrali, legumi e verdura a foglia verde scuro ( spinaci, bietola ecc.)  e di quelli ricchi di antiossidanti come bioflavonoidi e antocianine  (ciliegie, fragole , mirtilli, lamponi, uva, ecc.,) contribuisce a rafforzare e a mantenere i vasi sanguigni in salute, migliorando di conseguenza la circolazione e il drenaggio dei liquidi”.

Per combattere le gambe gonfie, invece, vanno limitati i cibi processati e raffinati, come merendine, cornetti, creme, dolci, spalmabili ecc.: “Hanno un elevato contenuto  non solo di zuccheri,  ma anche di sodio.  Occhio anche al sale “nascosto”,  presente in quantità elevate in salumi, formaggi, dadi da cucina e cibi in scatola. Fai attenzione poi al consumo eccessivo  di caffè e di  bevande alcoliche. Favoriscono la disidratazione aggravando di conseguenza i livelli di ritenzione idrica”, dichiara sempre il dottor Daniele Basta.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese