Oggi su Wellness Farm

Benessere per corpo e mente con il Metodo Feldenkrais

Benessere per corpo e mente con il Metodo Feldenkrais

Vivere fino a 100 anni? Gli italiani dicono sì, ma…

Vivere fino a 100 anni? Gli italiani dicono sì, ma...

Kate Moss, ghiaccio e cetriolo per una pelle al top

Kate Moss, ghiaccio e cetriolo per una pelle al top

L’Ordine dei Medici contro Dukan

La dieta Dukan è tra le più in voga. Non tutti l’approvano. E, ancora una volta, il suo ideatore si trova al centro delle polemiche: secondo l’emittente francese Europe 1, il Consiglio dei Medici di Parigi vorrebbe sottoporre a procedimento disciplinare Pierre Dukan. Il medico sarebbe accusato di condotta anti-deontologica. Il provvedimento, se attuato, potrebbe portare a una sospensione dell’attività, se non addirittura alla radiazione dell’albo. In particolar modo, avrebbe fatto andare su tutte le furie i medici francesi una nuova idea del famoso nutrizionista: l’inserimento di un’opzione anti-obesità alle scuole superiori.

Pierre Dukan ha proposto che venga introdotto all’esame di Stato un punteggio “omaggio” per gli studenti che si diplomino mantenendo un peso di massa corporea compreso tra i 18 e i 25. Ovvero che si mantengano nella fascia normopeso. Insomma, un incentivo a non ingrassare. Secondo il Consiglio dei Medici, però, la proposta di Dukan violerebbe l’articolo 13 del codice deontologico della professione: ogni dottore deve essere responsabile delle ripercussioni psicologiche che le proposte potrebbero avere sugli studenti. Il punteggio “omaggio” potrebbe spingere gli adolescenti a un dimagrimento forzato e, qualora non dovessero riuscire nell’intento, potrebbero incorrere nella non accettazione di sé.

L’Ordine sostiene come Dukan stia violando anche l’articolo 19 che impone a ogni medico di svolgere la professione senza fini commerciali. E di certo non è il suo caso, visto il business che si è creato intorno al suo famigerato regime alimentare. Un regime sempre al centro delle polemiche: criticato in quanto dieta iperproteica,  povera di vitamine e sali minerali. Ciò aumenterebbe il rischio di malattie cardiovascolari, l’alzarsi dei livelli di colesterolo nel sangue e lo sviluppo di tumori all’apparato digerente.

Dukan ha però fatto fronte alle accuse, affermando che tutti questi problemi sono propri delle persone obese. Lui stesso, ha assicurato, segue la sua dieta da ben 30 anni e dice di essere in perfetta salute. La validità del metodo, secondo il nutrizionista, sta nel fatto di essere l’unico che non fa riprendere i chili persi. Ma alcuni studi, come quello dell’endocrinologo Boris Hansel, avrebbero dimostrato il contrario. Alcune indagini, infatti, hanno stabilito che il 35% delle donne riprende i chili persi dopo neanche un anno, il 64% dopo due e l’80% dopo tre. Insomma, non ci sarebbe, da questo punto di vista, nessuna differenza rispetto alle diete tradizionali.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento