Oggi su Wellness Farm

Lo stress può essere positivo e addirittura aiutarci

Lo stress può essere positivo e addirittura aiutarci

I calendari dell’Avvento che vorrai questo Natale 2020

I calendari dell’Avvento che vorrai questo Natale 2020

I tatuaggi con i sensori che ti monitorano la salute

I tatuaggi con i sensori che ti monitorano la salute

Una birra al giorno riduce il rischio di ictus

birraUna birra al giorno riduce il rischio di ictus. Lo sostiene uno studio della Pennsylvania State University, presentato durante l’incontro annuale dell’American Heart Association, secondo cui una birra al giorno fornirebbe un inaspettato supporto al colesterolo HDL, ovvero il “colesterolo buono”

Lo studio ha analizzato i profili di 80 mila adulti, tutti cinesi, valutandone nell’arco di sei anni il consumo di bevande alcoliche e i livelli di colesterolo nel sangue.
Lo studio ha evidenziato come coloro che hanno riferito un consumo moderato di alcol abbiano mostrato livelli di colesterolo migliori rispetto agli astemi. In particolare i benefici riguarderebbero il naturale calo della presenza di colesterolo HDL durante gli anni, che risulterebbe attenuato nei soggetti identificati come bevitori moderati di birra.

Il discorso, però, sarebbe valido solo per la birra, mentre i superalcolici non apporterebbero gli stessi benefici. Gli esperti spiegano, infatti, che servirebbe un controllo più severo per quanto riguarda il consumo di superalcolici per produrre risultati apprezzabili (meno di una dose al giorno per gli uomini e circa la metà per le donne). Insufficienti per stabilire un rapporto d’effetto i dati relativi al vino, in quanto consumato da un numero troppo esiguo di partecipanti allo studio.

Ma la buona notizia è che una birra al giorno, a quanto, pare, riduce il rischio di ictus. Una birra e non di più: naturalmente il consumo deve essere moderato e non bisogna esagerare. Ma non è la prima volta che la birra viene indicata come bevanda alcolica che male non fa, sempre bevuta con saggezza e senza esagerare!

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese