Oggi su Wellness Farm

Maschera per il viso all’arancia

Maschera per il viso all'arancia

Una pausa dalla dieta per perdere peso

Una pausa dalla dieta per perdere peso

Occhiaie addio con il succo di pomodoro

Occhiaie addio con il succo di pomodoro

Un futuro senza scottature

Pare che non ci scotteremo più: un gruppo di ricercatori dell’Università di Duke ha scoperto la molecola Trpv4 che potrebbe aiutare a combattere i tumori della pelle e creare nuove creme solari anti-bruciore. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti (Pnas). 

Le radiazioni solai, in particolare i raggi ultravioletti di tipo B (uvb) aiutano le cellule della pelle a produrre molecole, come ad esempio la vitamina D, necessarie per il benessere del corpo. Una sovraesposizione a questi raggi può però essere molto dannosa in quanto possono arrecare danni al Dna e quindi malattie della pelle.

Le scottature, in questo contesto, sono un vero e proprio allarme, un richiamo a non stare più sotto il sole. Cercando di comprendere i meccanismi cellulari che governano il ‘segnale’ di dolore e prurito associato alle scottature, i ricercatori statunitensi ne hanno identificato la causa: si chiama Trpv4 ed è un canale di ioni, una sorta di cancello posto sulla superficie delle cellule per controllare i livelli di calcio.

Si è scoperto che i raggi porterebbero all’attivazione della Trpv4 che permette l’entrata di un gran numero di ioni di calcio all’interno della cellula. A loro volta le molecole di calcio portano all’attivazione di un’altra molecole chiamata enodtelina che, a sua volta, stimola la Trpv4 a far entrare altri ioni di calcio.

“Questi risultati – ha spiegato Martin Steinhoff, uno dei responsabili dello studio – indicano che la Trpv4 debba essere il nuovo obiettivo per prevenire e trattare le scottature solari, e probabilmente le malattie croniche provocate dal sole, come il cancro della pelle oppure l’invecchiamento della pelle provocato dai raggi. Bisogna fare però ancora molta strada prima che gli inibitori della Trpv4 possano diventare un’arma di difesa solare”. “Immagino che verranno aggiunti ai tradizionali filtri solari per garantire una migliore protezione”.

Ti potrebbero interessare anche:

Un commento to "Un futuro senza scottature"

  1. Giulia ha detto:

    Ottima cosa!!!

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese