Oggi su Wellness Farm

La maschera rosa di Gwyneth Paltrow per un effetto super glow

La maschera rosa di Gwyneth Paltrow per un effetto super glow

Come scegliere il reggiseno sportivo?

Come scegliere il reggiseno sportivo?

Buff lancia la fascia con proprietà antibatteriche

Buff lancia la fascia con proprietà antibatteriche

Depressione: attenzione ai grassi!

Abbiamo già parlato di come il nostro regime alimentare possa influenzare l’umore e di cosa mangiare per migliorarlo. Ora arriva un’altra notizia in merito: una dieta povera di grassi omega-3 può far diventare ansiosi e portare addirittura alla depressione.

Lo rivela uno studio svolto su delle cavie e pubblicato sulla rivista Nature Neuroscience da Sophie Layè e Olivier Manzoni dell’Istituto di Neurobiologia dell’Inserm di Marsiglia. Mentre un’altra ricerca condotta su 12.000 volontari sui 37 anni circa e pubblicata sulla rivista PLoS One, mostra che una dieta troppo ricca di grassi saturi e grassi trans, accentua il rischio di depressione del 48% più alto del normale. Questi due filoni di ricerca, quindi, dimostrano come i grassi, già determinanti rispetto alle patologie cardiovascolari, possano incidere sull’umore e sullo stato psicologico delle persone: il gruppo Manzoni ha studiato cavie nate da madri alimentate con una dieta povera di omega-3 (grassi buoni presenti nel pesce) e svezzate con la stessa dieta. Questi topolini hanno comportamenti associabili a stati ansiosi e depressivi. I topi, inoltre, presentano una ridotta plasticità neurale nella corteccia prefrontale e a livello del nucleus accumbens, due aree legate a disturbi dell’umore.

L’altro studio, diretto da Almudena Snchez-Villegas, dell’Università di Las Palmas (Gran Canaria), mostra risultati analoghi su persone il cui stato di salute è stato monitorato per un lungo periodo di tempo.  Gli studiosi spagnoli hanno trovato una stretta correlazione tra il tipo di dieta di ciascuno e il rischio depressione:  più è alto il consumo di grassi trans e saturi, maggiore è il rischio depressione. Viceversa, più è alto il consumo di olio d’oliva e grassi polinsaturi, minore è questo rischio.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese