Oggi su Wellness Farm

5 cibi da evitare per combattere la cellulite

5 cibi da evitare per combattere la cellulite

Maschera viso all’ananas: facile da preparare!

Maschera viso all'ananas: facile da preparare!

Guaranà, un energizzante che fa dimagrire

Guaranà, un energizzante che fa dimagrire

Chirurgia plastica: ecco gli interventi più richiesti!

chirurgia-plasticaE’ la mastoplastica additiva l’intervento di chirurgia plastica più richiesto in Italia (21.744 interventi con protesi nel 2015). Seguono la lipoaspirazione e la blefaroplastica, il ritocco alle palpebre. Ma stanno prendendo sempre più piede i trattamenti non invasivi. Nel 2015 in Italia ne sono stati eseguiti 280 mila contro i circa 193 mila delle chirurgia.

Questi sono i dati emersi dallo studio condotto dall’International Society Aesthetic Plastic Surgery, Isaps, la più grande associazione internazionale di chirurghi plastici ed estetici.
“La crescita dei trattamenti non invasivi, con tossina botulinica e acido ialuronico in testa, è un trend forte e costante – sottolinea Giorgio De Santis, presidente della Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica Sicpre, gemellata con Isaps – Quanto alla hit degli interventi, l’aumento del seno è il primo in classifica in molti Paesi”.
Per la prima volta l’Isaps registra un aumento di interventi non invasivi con il lipofiling che consiste nel trasferire il grasso della paziente dai punti in cui è naturalmente presente nel seno. Secondo i dati nel 2015 in Italia ne sono stati esagiti 1.656.

La chirurgia plastica made in Italy inoltre si sta diffondendo nel mondo. Gli specialisti del bisturi per la prima volta hanno dichiarato di avere pazienti che provengono in particolare da Russia, Romania e Svizzera.
Questa crescita necessita di nuove regole: “In qualità di società scientifica – sottolinea De Santis – la Sicpre è da tempo impegnata con il ministero della Salute in un tavolo tecnico teso alla regolamentazione di questa tipologia di trattamenti. Molti sedicenti medici estetici sono sprovvisti della necessaria formazione e possono davvero fare danni, come periodicamente i media riportano. Per questo siamo impegnati sia in un dialogo con le istituzioni, sia in un’opera di informazione e sensibilizzazione verso i potenziali pazienti, perché la sicurezza inizia dalla conoscenza”.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese