Oggi su Wellness Farm

Frutta congelata: qual è la migliore?

Frutta congelata: qual è la migliore?

Out-Fit, la palestra outdoor più bella che vedrai mai

Out-Fit, la palestra outdoor più bella che vedrai mai

Alo Yoga Tennis Club, la collezione ispirata al tennis

Alo Yoga Tennis Club, la collezione ispirata al tennis

Buoni propositi per il nuovo anno?

Stilare la lista dei buoni propositi per il nuovo anno non è poi così facile, soprattutto perché l’entusiasmo tende a scemare nel giro di pochi giorni (se non ore, in alcuni casi!): “Con tutta probabilità, la strategia è completamente sbagliata”, la risposta di Paul Marciano, psicologo comportamentale e autore di “Carrot and sticks don’t work” (www.paulmarciano.com).

“Il nostro mondo è definito dalle parole che usiamo. Per questa ragione, è importante cambiare quelle che utilizziamo per descrivere i nostri propositi per il nuovo anno, consiglia l’esperto come riporta D de La Repubblica.
“Può succedere di non essere riusciti a portare a termine qualcosa che ci eravamo prefissi, ma questa non può essere una ragione fallire adesso – prosegue  – Quindi, evitate di usare frasi che implicano questa possibilità, tipo: “Sto cercando di…”. Il vostro obiettivo, infatti, non è provare, ma riuscire”. Il secondo gruppo di parole a cui fare attenzione sono quelle che, a volte in modo subliminale, fanno sentire in difetto. “Il condizionale è un interprete perfetto. Verbi come “dovrei” dicono molto di più della parola stessa”. A questo proposito, bisogna riflettere anche sull’unità di misura utilizzata per valutare i propri progressi. “Le persone con una bassa autostima, tendono a porsi obiettivi troppo ambiziosi, per dimostrare che non li riescono a raggiungere. Oppure, troppo semplici, per confermare il loro disvalore, visto pensano che siano raggiungibili da chiunque”.

Marciano spiega che: “Una delle ragioni per cui tendiamo a non rispettare le risoluzioni è perché si tratta di obiettivi troppo generici. Le persone si focalizzano risultato finale, ma la verità, è che bisogna concentrarsi sui comportamenti che portano al risultato desiderato”. E inoltre consiglia: “Ci vuole una piattaforma per il cambiamento. Anche in questo caso, attenzione alle parole: date la precedenza a concetti positivi. Quindi, invece di “smettere di fumare”, proponetevi piuttosto di “prendervi cura della vostra salute” e dettagliate esattamente in che modo volete farlo e quali cambiamenti di abitudine dove introdurre per riuscirci”.

La motivazione poi è fondamentale: “Come nel caso delle sfide collettive, per esempio a compiere un certo numero di passi monitorati dai fitness tracker, pubblicizzare gli obiettivi evita il rischio di arenarsi. La pressione dei pari, infatti, è un grandissimo aiuto”.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese