Oggi su Wellness Farm

Per dormire meglio inizia dalla tavola

Per dormire meglio inizia dalla tavola

Infusi rilassanti: ma funzionano davvero?

Infusi rilassanti: ma funzionano davvero?

Zero Training, cos’è e perché ti bastano 5 minuti al giorno

Zero Training, cos’è e perché ti bastano 5 minuti al giorno

Smartphone e tablet fanno venire le rughe al collo

smartphone_tablet_rughe_al_colloLe nuove tecnologie non fanno bene alla bellezza. Secondo un recente studio di un gruppo di dermatologi di The London Clinic, tra le cause delle rughe al collo ci sono smartphone e tablet.

Lo sguardo rivolto costantemente sullo schermo di tablet e smartphone a lungo andare favorisce l’insorgere delle rughe del collo. Per navigare su questi dispositivi, infatti, si tiene il collo piegato e le donne più esposte sono quelle tra i 18 e i 39 anni che ne fanno un uso massiccio, controllandoli anche 150 volte al giorno. Secondo gli esperti questo costante piegamento fa venire le rughe al collo, provocando un rilassamento della pelle, è causa inoltre del cedimento delle guance e del formarsi di una piega sopra la linea delle clavicole, una condizione che i dermatologi hanno ribattezzato “tech-nec”. Non è quindi un caso che negli ultimi dieci anni il problema delle rughe al collo sia aumentato in maniera esponenziale.

Tablet e smartphone però non sono gli unici imputati: non bisogna sottovalutare nemmeno la pericolosità dei raggi solari che penetrando in profondità danneggiano le strutture elastiche della pelle. Non esporsi in maniera eccessiva ai raggi Uv e Uva è fondamentale e quando lo si fa bisogna applicare più volte la crema protettiva. Per quanto riguarda tablet e smartphone, invece, il consiglio è quello di limitarne il più possibile l’uso, anche se oggi sembra quasi impossibile. Ormai è abitudine diffusa tenere sempre sotto controllo il telefonino, viviamo collegati a internet per la maggior parte del tempo e questo, oltre a far venire le rughe sul collo, può rendere più difficoltose le relazioni sociali, quelle vere e non da social.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese