Oggi su Wellness Farm

Ecco come nasce il pilates

Ecco come nasce il pilates

Kim Kardashian, ecco come ha perso 10 chili!

Kim Kardashian, ecco come ha perso 10 chili!

Rimedi fai da te per i capelli secchi

Rimedi fai da te per i capelli secchi

Il cibo spazzatura rende stupidi

Mangiare cibo spazzatura, oltre a far male alla salute e a far impennare l’ago della bilancia, influenza l’attività cognitiva. Questo è quanto afferma la Dottoressa Anett Nyaradi, esperta di nutrizione presso Telethon Kids Institute.

Lo studio, condotto su 602 partecipanti al Western Australian Pregnacy Cohort Study, era diviso in due parti: una scheda di consumo alimentare all’età di 14 anni, divisa tra cibo sano e cibo tipico dell’alimentazione occidentale, a cui sono seguiti dopo 3 anni (età 17) una serie di test svolti al computer per la valutazione della presentazione cognitiva. In base ai risultati ottenuti, i ricercatori hanno evidenziato come a un maggiore consumo di cibo “occidentale” intorno ai 14 anni corrispondessero peggiori valutazioni al termine dei test condotti una volta arrivati ai 17. Cibo spazzatura, carne rossa e bevande zuccherata avrebbero influito in maniera negativa, almeno stando a quello che ha rilevato il gruppo di ricerca guidato dalla Dottoressa Nyaradi sulle prestazioni in termine di tempo di reazione, attenzione visiva, apprendimento, abilità mentale e memoria.

Chi ha invece una dieta sana avrebbe avuto risultati nettamente migliori, frutto secondo i ricercatori di un corretto apporto di nutrienti. Ad alterare le normali prestazioni sarebbe, nello specifico, lo squilibrio del rapporto tra omega-3 e omega-6.  La Dottoressa Nyaradi ha riportato che il rapporto dovrebbe essere di 1:1,1 a 1, mentre la dieta occidentale lo sbilancerebbe verso 1:20 o anche 1:25. L’esperta ha poi concluso: “L’adolescenza rappresenta un periodo critico per lo sviluppo del cervello. È possibile che una dieta povera rappresenti un rischio significativo durante tale periodo. Ecco, i nostri risultati puntano in questa direzione”.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese