Oggi su Wellness Farm

Ciclotte, la cyclette che non ti aspetti

Ciclotte, la cyclette che non ti aspetti

Quanto ci piace lo yogurt greco: benefici e virtù

Quanto ci piace lo yogurt greco: benefici e virtù

Si chiama Arena, è la palestra in una scatola

Si chiama Arena, è la palestra in una scatola

You, il robottino contro l’obesità infantile

robot-you1-677x505Un robottino per aiutare i bambini a combattere l’obesità. Si tratta di You, un giocattolo nato dall’idea degli studenti della Seconda università di Napoli, che stimola a capire quando si è sazi, spinge a fare sport e analizza i parametri metabolici.

Il progetto è stato realizzato da un gruppo di studenti della Seconda Università di Napoli. You permette ai bambini di riconoscere il senso di sazietà e correggere le cattive abitudini alimentari. Questo robottino è corredato di un bracciale che analizza i parametri metabolici e l’attività svolta dai più piccoli, invitandoli a praticare esercizio fisico in maniera regolare. Il bracciale collegato al robot rivela inoltre la vicinanza con altri bambini, stimolando le occasioni di gioco collettivo. Le regole sono semplici: se si segue una sana alimentazione e si svolge una corretta attività fisica, il sistema mette in palio punti e premi per i più bravi.
You è stato progettato per diventare una sorta di “compagno” con cui il bambino si relaziona quotidianamente. Attraverso l’app, il bimbo nutre il robot selezionando le quantità e la tipologia di alimenti che egli stesso ha assunto. Il dispositivo a questo punto reagisce alle informazioni ricevute attraverso segnali luminosi, espressioni del viso frasi relative alle proprie sensazioni, come ad esempio “ho mangiato tanto”, “mi sento gonfio”, “basta stare fermo, ho voglia di muovermi!”.
Questo robottino è nato nell’ambito della ricerca psicologica sui legami familiari nei casi di obesità infantile. Il prototipo, spiegano i ricercatori, “non intende semplicemente educare il bambino ad abitudini corrette, ma aiuta il piccolo ad autoregolarsi, stimolando il riconoscimento delle sensazioni di sazietà e di fame”.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese