Oggi su Wellness Farm

Perché non dimagrisco anche se non salto neppure un allenamento?

Perché non dimagrisco anche se non salto neppure un allenamento?

Un aiuto per l’alimentazione? Prova le app per la dieta

Un aiuto per l’alimentazione? Prova le app per la dieta

Corri la tua prima maratona? Ecco da dove iniziare

Corri la tua prima maratona? Ecco da dove iniziare

Vacanze, stress da rientro per gli italiani

Settembre è alle porte, le vacanze per molti sono finite: da una ricerca emerge che la gran parte di coloro che tornano in città cedono al malumore, sono preoccupati per il lavoro, per le incomprensioni con i colleghi e per la vita da pendolare.

Ben 7 italiani su 10, appena varcata la soglia di casa, sono attanagliati dalle preoccupazioni. Il relax dei giorni di vacanza appare subito come un ricordo sbiadito, ancor prima di disfare i bagagli: riemergono l’incubo della vita da pendolare, della sveglia, delle beghe lavorative e del tran tran quotidiano. Questo è il quadro tracciato da uno studio promosso dall’Osservatorio Sanpellegrino e condotto raccogliendo le opinioni di circa mille italiani, uomini e donne, attraverso un monitoraggio online sui principali social network, forum e community digitali.

Dalla ricerca emerge che gran parte degli italiani alle prese con il rientro in città cadono nel malumore. Se da un lato c’è un 31% che quest’anno, per vari motivi, ha dovuto rinunciare alle vacanze estive, dall’altro il 24% di chi ha staccato la spina ritene che le ferie siano state troppo corte e siano volate. Ci sono poi i soddisfatti: un 16% che dichiara di essersela spassata e un 17% che afferma di essersi rilassato abbastanza. Tuttavia il ritorno alla vita di tutti i giorni avviene all’insegna dell’ansia per il 43% e della preoccupazione per il 33%.Il 27% risulta addirittura depresso e solo il 21% si dichiara sereno. Durante gli ultimi giorni di ferie, 6 italiani su 10 dichiarano di non voler pensare alla routine che li aspetta. E se il 47% evita di pensare alle ansie sul posto di lavoro, il 32% rifugge all’idea di dover tornare alla vita da pendolare, di pensare che inizia un altro anno (22%) e di dover nuovamente fare i conti con la sveglia (21%).

Al rientro,  il 31%  dice di essere non accora pronto psicologicamente e il 18% avverte svogliatezza e poca concentrazione. “L’adattamento a un cambiamento comporta uno sforzo – spiega in una nota Francesca Chiricozzi, psicoterapeuta e neuropsicologa della Sapienza di Roma – quando questo è richiesto a livelli troppo elevati e in tempi repentini, il nostro organismo ‘legge’ queste richieste come segnali che lo pongono in uno stato di allerta. Da qui la condizione di stress, e l’attivazione di risposte necessarie a difendersi dalla situazione di disagio psicologico”

Il 16% degli italiani si sente fisicamente appesantito dopo le ferie: “Il rientro dalle vacanze traduce le ansie legate alla ripresa dell’attività scolastica o lavorativa – afferma Luca Piretta, nutrizionista e gastroenterologo, specialista in Scienza della nutrizione umana all’università Sapienza di Roma – Quanto più drastico è il passaggio tra vacanza e lavoro, tanto più è evidente quella che possiamo definire ‘sindrome da rientro’. Questa è caratterizzata da malessere generale, affaticamento, astenia, irritabilità e disturbi del sonno. Alcuni di questi sintomi sono di indole psicologica, altri da deficit nutrizionali e disidratazione”.

Secondo lo studio quello che spaventa di più gli italiani è il lavoro, il 29% ha paura di rinchiudersi di nuovo in un luogo fisico per lavorare; il 23% teme le incomprensioni con colleghi e datori di lavoro. Per il 18% poi c’è l’ansia da risultati e lo stress degli spostamenti per il 15%. Per quanto riguarda il cambio di stile di vita, il ritorno in  città preoccupa perché riproporrà la cronica insoddisfazione verso quello che si fa (24%), gli sbalzi di umore che rendono irritabili e nervosi (23%), il poco tempo a disposizione per vedere figli, genitori e partner (21%).

Nonostante tutto un quarto degli italiani dichiara di non prepararsi in alcun modo al rientro, mentre il 22% cerca di riprendere gradualmente le abitudini quotidiane. “Per il recupero di una condizione ottimale – suggerisce Piretta – bisogna cominciare dalla prima colazione. Numerose pubblicazioni scientifiche hanno dimostrato come” saltare il primo pasto della giornata “riduca la performance in termini di minore capacità di concentrazione e rendimento nelle attività fisiche”. Secondo Chiricozzi, anche “un giusto apporto idrosalino aiuta a mantenere un equilibrio sia del tono dell’umore che delle capacità intellettive”.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese