Oggi su Wellness Farm

Quattro buoni motivi per smettere di contare le calorie

Quattro buoni motivi per smettere di contare le calorie

Meal Prep, come organizzare in anticipo i pasti della settimana

Meal Prep, come organizzare in anticipo i pasti della settimana

Hanno scoperto come produrre cioccolato senza grassi

Hanno scoperto come produrre cioccolato senza grassi

Primavera, ecco come combattere la stanchezza

Primavera, ecco come combattere la stanchezza tipica di questa stagione. Ce lo dice, come riporta l’AdnKronos, Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista, autrice del libro ‘La dieta della tiroide’:

Prima cosa a colazione bevete un frullato verde per aiutare la tiroide: 100-150 grammi di ananas con il torsolo, 10 pistacchi non salati, 1 cucchiaio di semi di lino, 2 manciate di rucola, 2 noci del Brasile e 200 ml di latte di cocco. Sono gli ingredienti per un frullato da bere a colazione per un boost alla tiroide, soprattutto in caso di ipotiroidismo e tiroidite autoimmunitaria.

Non fatevi mancare frutta e verdura. Molto importante anche la frutta secca. Sono tutti alimenti che aiutano a integrare le vitamine.
Introducete nella dieta il cioccolato fondente che aiuta ad alzare lo stato dell’umore.
Utilizzate le spezie per condire i vostri i piatti in quanto aiutano a bilanciare l’energia. Ottime sono la curcuma, la cannella, lo zenzero che hanno anche proprietà antiossidanti.

Per contrastare la stanchezza di primavera è importante anche depurarsi con sedano, prezzemolo, menta e finocchio.
Aiutatevi anche con gli integratori come il magnesio, lo zinco, il selenio, l’acido folico, la vitamina C e le vitamine B1, B6, B3.
Per combattere la stanchezza di primavera bisogna anche rilassarsi e riposare adeguatamente. Potete aiutarvi in modo naturale con il biancospino, la passiflora, la rodiola rosea.

L’importanza della respirazione: “Quando si è sottotono – sottolinea Serena Missori – si tende a respirare molto lentamente e profondamente. Per risollevarsi, fare delle respirazioni energizzanti attraverso le narici, muovendo il torace, contando 3 secondi per l’inspirazione e 3-4 secondi per l’espirazione. Ripetere 10 volte più volte al giorno: in questo modo si attiva il sistema nervoso simpatico che è rivitalizzante. Al contrario, in caso di ansia, irrequietezza e nervosismo, si tende a respirare molto velocemente, spesso attraverso la bocca ed espandendo poco il torace. Così facendo, si autoalimenta lo stato di agitazione. Occorre eseguire la respirazione addominale della calma muovendo l’addome: inspirare il 6-8 secondi spingendo verso l’esterno l’addome ed espirare in 8-10 secondi riportando all’interno l’addome. In questo modo si attiva il sistema nervoso parasimpatico che è rilassante”.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese