Oggi su Wellness Farm

La dieta dell’ananas per perdere 4kg in 4 giorni

La dieta dell'ananas per perdere 4kg in 4 giorni

Maschera per il viso all’arancia

Maschera per il viso all'arancia

Una pausa dalla dieta per perdere peso

Una pausa dalla dieta per perdere peso

Più magri con il latte d’asina…

 

Un bel bagno nel latte d’asina dona una pelle liscia e vellutata. Lo sapeva bene Cleopatra che lo usava come un vero e proprio elisir di bellezza. Ora però gli scienziati attribuiscono a questo alimento anche altre proprietà…

Secondo uno studio tutto italiano, realizzato dal gruppo dell’Università di Napoli e presentato all’European Congress on Obesity (Eco 2011) a Istanbul (Turchia), il latte d’asina farebbe miracoli per quanto riguarda la perdita di peso. Secondo i ricercatori, infatti, il latte d’asina sarebbe un vero e proprio alleato del peso forma: ricco di Omega 3 e di calcio, ottimi anche per la salute del cuore, manterrebbe alti i livelli di energia per tutto l’arco della giornata.  Viene così consigliato dagli studiosi al mattino al posto del latte scremato e di quello alla soia. I ricercatori invitano coloro che vogliono perdere qualche chilo a fare una prova. Infatti, nello studio condotto sui topini di laboratorio, gli scienziati hanno diviso le cavie in due gruppi, nutriti rispettivamente con latte d’asina e latte vaccino, oltre alla loro normale alimentazione. Alla fine dell’esperimento, gli scienziati hanno notato che gli animali alimentati con il latte di mucca sono arrivati a pesare più dei ratti normali, mentre quelli che hanno assunto il latte d’asina sono risultati più magri della media. Non solo, questo secondo gruppo presentava livelli inferiori di grasso nel sangue e una presenza minore di altri grassi pericolosi per le arterie e il cuore. Infine i mitocondri, le ‘microbatterie’ che alimentano le cellule, risultavano ultra-ricaricati e riuscivano  a convertire il cibo in energia a un ritmo più veloce. La conclusione, secondo gli studiosi, è che “bisognerebbe incoraggiare il consumo di latte d’asina”. Chissà se dopo questa ricerca, quest’ultimo tornerà a campeggiare nei banconi frigo dei supermercati?

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese