Oggi su Wellness Farm

Insalate per combattere il caldo estivo: ricette insolite e gustose

Insalate per combattere il caldo estivo: ricette insolite e gustose

Yoga per il viso, cos’è e perché ci piace (e ci conviene) farlo

Yoga per il viso, cos’è e perché ci piace (e ci conviene) farlo

Siesta e caffè: ecco come ricaricarti alla grande con un pisolino

Siesta e caffè: ecco come ricaricarti alla grande con un pisolino

Mangiare peperoncini allunga la vita

Mangiare peperoncini allunga la vita. Uno studio pubblicato su PLos ONE assicura che chi mangia piccante ha una marcia in più. Il consumo di peperoncino è associato infatti a una minore mortalità. La riduzione del 13%, dicono gli autori della ricerca, è principalmente dovuta a un minor impatto di malattie cardiocircolatorie e ictus.

Lo studio è arrivato alla conclusione che mangiare peperoncini allunga la vita dopo aver analizzato 15 mila americani seguiti in un lasso di tempo di tre anni.
L’effetto benefico è dovuto probabilmente alla capsaicina che si ritiene abbia un ruolo nei meccanismi cellulari e molecolari che impediscono l’obesità e modulano il flusso sanguigno coronarico. Inoltre ha proprietà antimicrobiche.
Uno degli autori, Mustafa Chopin, ha spiegato come i risultati della ricerca parlino chiaro e siano sufficienti a far diventare il consumo di peperoncini e di cibi piccanti in generale una raccomandazione dietetica.

Mangiare peperoncini allunga la vita come pure seguire una dieta. Mangiare poco, infatti, inciderebbe sull’invecchiamento e i benefici sono più marcati se la dieta viene intrapresa da adulti e anziani piuttosto che in giovane età.
Anche fare esercizio fisico allunga la vita: bastano anche 20 minuti al giorno per stimolare il sistema immunitario e assicurarsi il benefico effetto anti-infiammatorio. Durante l’esercizio fisico, il cervello e il sistema nervoso simpatico vengono attivati per consentire al corpo di svolgere il lavoro richiesto. Gli ormoni, come l’adrenalina e noradrelina, vengono rilasciati nel flusso sanguigno e attivano i recettori adrenergici, che le cellule immunitari possiedono. Questo almeno stando a uno studio pubblicato su Brain Behavior and Immunity.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese