Oggi su Wellness Farm

Corri la tua prima maratona? Ecco da dove iniziare

Corri la tua prima maratona? Ecco da dove iniziare

Errori da evitare nel rimettersi in forma dopo Natale

Errori da evitare nel rimettersi in forma dopo Natale

Tre buone abitudini da adottare per un 2022 più sano

Tre buone abitudini da adottare per un 2022 più sano

Dieta, il futuro è nel Dna

dna-dietUna dieta personalizzata che si basa sul Dna? Tra poco sarà possibile.
Sono già state definite diete di precisione ovvero personalizzate dal punto di vista genetico.
Una ricerca pubblicata sulla rivista Obesity ha valutato i fattori che determinano la perdita di peso e quelli alla base della tendenza a ingrassare, così come la possibilità di raccogliere il Dna attraverso dispositivi portatili.

“Entro cinque anni, si inizieranno a utilizzare i dati genetici per sviluppare programmi personalizzati per perdere peso”, ha spiegato Molly Bray, genetista dell’università del Texas a Austin che ha guidato lo studio.
La mappa del Dna, combinata con altre informazioni relative a stili di vita e fattori ambientali, potrebbe aiutare a realizzare, grazie a un algoritmo, diete di precisione e personalizzate: “Siamo abbastanza bravi as aiutare le persone a perdere peso nel breve termine – ha proseguito la Bray – Ma le statistiche sulla perdita di peso a lungo termine sono piuttosto tristi”.
Molte ricerche, secondo l’esperta, hanno dimostrato che l’indice di massa corporea della popolazione, può essere riconducibile per il 50% a fattori genetici, mentre il resto è dovuto a fattori ambientali, tra cui dieta ed esercizio fisico.

Le conoscenze ottenute finora su geni legati al peso, sui meccanismi alla base di alcuni comportamenti alimentari, sui processi legati alla formazione delle cellule del grasso e su come il metabolismo è alterato dall’obesità, secondo la Bray, sono tali per cui “tutti questi dati possano già essere utilizzati in modo più efficace di quanto fatto finora per aiutare le persone perdere peso”.
Quindi il futuro della dieta sta nel Dna!

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese