Oggi su Wellness Farm

Come far durare di più la lattuga

Come far durare di più la lattuga

Celine lancia una collezione speciale per il pilates

Celine lancia una collezione speciale per il pilates

Come capire se l’avocado è maturo

Come capire se l’avocado è maturo

Correre 5 km: come iniziare da zero e riuscirci

La corsa è diventata incredibilmente popolare durante i mesi più duri della pandemia, quando uscire era possibile solo per fare sport e di contro le palestre chiuse ci imponevano di trovare una soluzione rapida ed efficace, pena restar fermi per mesi. Ma se non hai mai corso prima d’ora e vuoi cominciare, ecco qualche consiglio per arrivare a correre 5 km. Da zero.

Essendo uno degli sport più accessibili, è facile da praticare per chiunque sia disposto a investire un minimo di buona volontà e il solo costo delle scarpe, che vanno scelte con cura per evitare problemi alle articolazioni. Puoi farlo ovunque e quando hai tempo e i benefici superano di gran lunga lo sforzo di allacciare le scarpe e… correre.

Tra i benefici a breve e lungo termine abbiamo una migliore capacità cardio-respiratoria, un miglioramento generale dei muscoli, più bassi livelli di colesterolo e glucosio e un’ottima ricaduta anche sulla gestione di stress e ansia.

Il primo motore per cominciare a correre è trovare la motivazione giusta. Poniti un obiettivo realistico e raggiungilo. Può essere alleviare lo stress a fine giornata, scaricare la rabbia accumulata dopo ore di riunioni, perdere qualche chilo di troppo. Trova il tuo.

Scegliere un personal trainer che ti aiuta a impostare la tecnica corretta può essere un buon passo per cominciare con il piede giusto, eliminando ogni possibile rischio di lesioni dovuto a un approccio inconsapevole. Ti può aiutare anche nel programmare correttamente gli allenamenti secondo il tuo stato fisico iniziale e i tuoi progressi nel tempo.

Procurati il materiale tecnico necessario, che è davvero minimo: essenzialmente ti servono le scarpe, che siano ben ammortizzate. Fatti consigliare in negozio da chi ne sa, per non sbagliare. Per il resto puoi avere il completino trendy super tecnico o una vecchia t-shirt su una tuta qualunque, andrà benone.

Non cominciare a mille per fermarti dopo tre giorni perché sei già esausto. Gradualità è la parola chiave, meglio fare un po’ meno rispetto alle proprie capacità che eccedere subito e mollare prima di riuscire nel proprio obiettivo. Comincia correndo per uno solo km e camminando prima per riscaldarti e dopo per defatigare. Piano piano aggiungi 500 metri. Se ti senti stanco, fai un passo indietro alla tappa precedente. Non avere fretta.

Scegli anche il momento giusto per andare a correre, quando le condizioni meteo non sono proibitive, non fa troppo caldo o troppo freddo e non c’è troppa folla in giro. Insomma, quando la seduta di corsa può essere piacevole e non fonte di altro stress. E ovviamente, per finire, mangia adeguatamente e in modo vario e soprattutto non trascurare il necessario riposo, non solo notturno ma anche tra un allenamento e l’altro.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese