Oggi su Wellness Farm

Perché non dimagrisco anche se non salto neppure un allenamento?

Perché non dimagrisco anche se non salto neppure un allenamento?

Un aiuto per l’alimentazione? Prova le app per la dieta

Un aiuto per l’alimentazione? Prova le app per la dieta

Corri la tua prima maratona? Ecco da dove iniziare

Corri la tua prima maratona? Ecco da dove iniziare

Come pulire le scarpe da corsa e farle durare di più

Runner convinti da anni oppure neofiti che hanno appena iniziato, poco importa: una delle cose più importanti da imparare, oltre alla tecnica di corsa, è come prendersi cura delle scarpe perché durino a lungo e rimangano performanti.

Come pulire le scarpe da running in modo che conservino la forma adeguata, si mantengano in ottime condizioni gli elementi ammortizzanti e non si sciupi la calzata? Ecco qualche consiglio utile per cominciare con il piede giusto.

Lavarle spesso è importante per limitare la proliferazione batterica a causa del sudore ma bisogna prestare attenzione al tipo di lavaggio per rispettare la durata di tutti i materiali che compongono la scarpa. Che spesso sono molteplici, per garantire la migliore performance tecnica.

Quindi no e poi no alla lavatrice. Meglio lavarle a mano, con acqua fredda e un sapone delicato. Il lavaggio in lavatrice, specie ad alte temperature, rischia di deformare le scarpe e comprometterne la durata nel tempo.

Solette e lacci vanno rimossi e lavati a parte. Dalla scarpa bisognerà prima scuotere via la polvere e l’eventuale presenza di terra e sassolini che si possono infilare nella trama del tessuto. Basterà batterle una contro l’altra e poi passare un panno asciutto sulle superfici.

A questo punto possiamo passare al lavagggio vero e proprio con una spazzola a setole morbide, acqua e sapone, strofinando le parti più sporche senza troppi timori quando si tratta della suola, diventando più delicati per la tomaia e le parti interne.

Non immergete le scarpe interamente in acqua, le laveremo invece progressivamente a mano con la giusta quantità di acqua e sapone sulla spazzola. E una volta finito? Riempitele di carta da cucina o pezze di cotone, da sostituire periodicamente man mano che assorbono l’umidità. Poi posizionatele all’aperto ma non ai raggi diretti del sole.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese