Oggi su Wellness Farm

Smagliature addio con l’avocado

Smagliature addio con l'avocado

Un frullato abbronzante

Un frullato abbronzante

Come proteggere i capelli dal sole e dalla salsedine

Come proteggere i capelli dal sole e dalla salsedine

Tanoressia, malati di abbronzatura

L’estate ormai è alle porte. Tanti sono gli amanti del mare che, come lucertole, adorano spalmarsi al sole per avere un incarnato colorito. Ma la bramosia di abbronzarsi può diventare una vera e propria malattia: si chiama tanoressia. Si manifesta quando l’esposizione ai raggi solari o ai lettini abbronzanti è scorretta.

Esporsi al sole senza le dovute precauzioni può portare allo sviluppo del melanoma, il tumore della pelle più pericoloso. Uno studio italiano, condotto dal dott. Giuseppe Manfredonia e dalla dottoressa Gabriella Fabbrocini  (i risultati sono stati pubblicati sulla rivista Photodermatology, Photoimmunology & Photomedicine), ha evidenziato come questa “maleducazione” in merito all’abbronzarsi sia piuttosto diffusa soprattuto tra i giovani. Prendere il sole deve essere un’attività salutare e controllata e la tanoressia, questa voglia compulsiva che non segue nessuna regola, rischia di avere gravi conseguenza nel tempo con il manifestarsi di problemi alla pelle e con la comparsa di tumori.

L’uso dei filtri solari quando ci si espone al sole è indispensabile (anche quando si è abbronzati). Inoltre bisogna evitare le ore più calde della giornata. C’è anche una regola, quella del 3, che stabilisce di prendere il sole a intervalli ben precisi.

Importante l’educazione alla giusta esposizione per quanto riguarda la prevenzione. I ricercatori hanno preso come campione 191 studenti di un liceo di Napoli e hanno compreso come spesso i ragazzi non conoscano i rischi che si corrono esponendosi in modo scorretto ai raggi del sole o a quelli dei lettini abbronzanti. Gli studiosi hanno commentano: “Per predisporre la pelle all’esposizione al sole basta seguire tre passi fondamentali: pulire, tonificare e idratare. Azioni che fanno sì che la pelle arrivi nello sotto ideale per accogliere i raggi sani e proteggersi da quelli dannosi come i raggi UVA che, penetrando in profondità, son responsabili del foto invecchiamento, di allergie e nei casi più gravi dei tumori della pelle”.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese