Oggi su Wellness Farm

Pasta anche tutti i giorni, male non fa!

Pasta anche tutti i giorni, male non fa!

Cellulite: da Israele arriva TriLipo

Cellulite: da Israele arriva TriLipo

Raddrizzare la schiena con 90 secondi di yoga

Raddrizzare la schiena con 90 secondi di yoga

Provato per voi: Fase d’attacco Dukan

Alla fine ho ceduto e ho deciso di provare la dieta Dukan. Sono ancora agli inizi, ma quella che temevo di più era proprio la “Fase D’Atacco”, il primo step di questo regime alimentare. Lo temevo perché consente solo le proteine (carni magre, pollame e carni bianche, affettati, uova, proteine vegetali, latticini magri e, unica eccezione, l’immancabile crusca d’avena). Pensavo, senza pane e senza pasta, di morire di fame. Invece no.

Sono sincera, non ho faticato a mantenermi a regime. Non essendoci la conta delle calorie e potendo mangiare i cibi consentiti nelle quantità desiderate, non ho avuto nessun problema. Ieri, poi, ho fatto una prova: invitata a pranzo da amici (tipica grigliata del primo maggio), ho mangiato di tutto, sgarrando in pieno il piano alimentare (avrei dovuto iniziare la seconda fase). Aperitivo, pasta, carne, verdure, bruschette, gelato. Il risultato? Mi sentivo gonfia come un pallone, ma nel pomeriggio ho ricominciato a sgranocchiare patatine e noccioline e la sera ho cenato. La fame è tornata. Invece con la dieta Dukan (almeno nella prima fase, quella che ho effettivamente provato) non mi succede, il buco allo stomaco non lo avverto, un pranzo a base di petto di pollo alla griglia mi fa tirare tranquillamente fino a cena (magari nel pomeriggio mi concedo uno yogurt bianco). A spiegarne i motivi è lo stesso Pierre Dukan nel suo libro “La Dieta Dukan” edito da Sperling&Kupfer: L’ingestione di alimenti zuccherati o grassi, facili da digerire e assimilare, genera un senso di sazietà momentaneo, che viene presto sopraffatto dal ritorno della fame. Studi recenti hanno dimostrato che sgranocchiare spuntini a base di cibi dolci o grassi non ritarda la comparsa della fame, nè induce a ridurre le quantità di cibo che si ingeriscono nel pasto seguente. Al contrario, fare spuntini a base di alimenti proteici aiuta a rimandare l’orario del pasto successivo e a ridurre le quantità. Inoltre, il consumo esclusivo di alimenti proteici comporta la produzione di corpi chetonici, potenti spezzafame naturali responsabili di una sensazione durevole di sazietà. Dopo due o tre giorni di alimentazione di solo proteine pure, la fame scompare del tutto e il programma Dukan può essere seguito tranquillamente, evitando il pericolo numero uno di chi è a dieta: la fame”. E posso dire con certezza che è vero.

La costanza, però, è importante. Io ho sgarrato, ma giuro è stato solo per spirito di ricerca (mi sa che tra un po’ mi si allunga il naso :-) ). Ah, in 5 giorni di sole proteine pure ho perso un chilo e mezzo (ieri l’avrò ripreso tutto :-) ).

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento