Oggi su Wellness Farm

Kim, via le rughe con la crema per le emorroidi

Kim, via le rughe con la crema per le emorroidi

Come sconfiggere la paura di volare

Come sconfiggere la paura di volare

Stress da rientro? 5 modi per sconfiggerlo

Stress da rientro? 5 modi per sconfiggerlo

Le app per dimagrire funzionano!

Mantere il peso forma grazie agli smartphone. Secondo uno studio effettuato dalla Northwestern University, negli Stati Uniti, l’uso di un’applicazione per telefoni cellulari – associato a un programma di esercizio fisico e di educazione alimentare – permette di perdere peso e di mantenere i risultati raggiunti. Dalla ricerca è emerso che chi si è avvalso dell’aiuto di un’app ha perso quattro chili in più rispetto a chi non l’ha fatto. Il coach digitale, insomma, funziona.

Lo studio, pubblicato su Archives of Internal Medicine, ha coinvolto 69 uomini obesi, età media 58 anni. Ad alcuni è stato chiesto di usare un’app per smarphone per registrare peso, quantità di cibo consumata e attività sportiva eseguita. Tutti i pazienti seguivano una dieta e facevano ginnastica  secondo un programma creato appositamente per loro. In più dovevano partecipare a riunioni bisettimanali di gruppo supportate da un dietologo e da uno psicologo. Negli incontri si discuteva dei cambiamenti comportamentali e alimentari richiesti durante il programma. Per il gruppo con “l’assistente digitale”, le informazioni immesse nell’app venivano anche trasmesse a un tutore a distanza il quale forniva una consulenza telefonica personalizzata di 10-15 minuti due volte al mese.

Questo è il primo studio clinico controllato di questo tipo”, spiega Bonnie Spring, autrice della ricerca, “e dimostra che associare tecnologie comunemente diffuse come le app per smartphone a programmi sanitari di riduzione dell’obesità aiuta i pazienti a dimagrire. Infatti, i soggetti che hanno usato l’app hanno perso in media quattro chili in più rispetto al gruppo di controllo che non usava l’assistente digitale e sono riusciti a mantenere il nuovo peso per tutto l’anno”.

Secondo la ricercatrice sono queste caratteristiche che spiegherebbero il successo dell’esperimento. Uno dei problemi maggiori nel trattare l’obesità, infatti, nasce dal fatto che il medico curante non ha tempo e non è preparato a offrire al paziente un supporto educativo continuo necessario per ottenere risultati duraturi. “Grazie a questa applicazione che calcola quante calorie sono ingerite e consumate e al supporto dei tutori che offrono continuo feedback sui progressi effettuati, i pazienti si sentono sotto controllo e in grado di prendere le decisioni giuste al fine di controllare l’alimentazione e mantenere il peso corporeo. È chiaro, però – conclude Spring – che l’applicazione da sola non basta; è necessario un programma completo che includa anche buona educazione alimentare e attività fisica”.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese