Oggi su Wellness Farm

Smagliature addio con l’avocado

Smagliature addio con l'avocado

Un frullato abbronzante

Un frullato abbronzante

Come proteggere i capelli dal sole e dalla salsedine

Come proteggere i capelli dal sole e dalla salsedine

Diete drastiche, cellulite in agguato!

Che le diete drastiche non facciano assolutamente bene è cosa nota. Ora, però, arriva un altro avvertimento: possono favorire l’insorgere della cellulite.

A lanciare l’allarme Patrizia Gilardino, chirurgo plastico di Milano socio del Sicpre ed esperta di trattamenti estetici per la cura del corpo: “Anzitutto sfatiamo un falso luogo comune: essere sovrappeso non è la causa diretta della cellulite, piuttosto è una questione di massa grassa e magra. La cellulite compare infatti anche in soggetti normopeso o con un sovrappeso modesto, soprattutto se si fa poca attività fisica, si soffre di ritenzione idrica e si ha una cattiva circolazione”. In parte è un problema di costituzione: “Sono più soggette le donne con un fisico mediterraneo, ossia con adiposità localizzate sui fianchi e sulle gambe, mentre è più difficile che compaia nelle donne magre, con tendenza ad ingrassare sulla pancia”. “Uno degli errori più comuni del fai-da-te è seguire diete ferree, nell’erronea convinzione che con il peso scompaia anche l’inestetismo – afferma la dottoressa – Tuttavia, con una dieta ipocalorica drastica si rischia di perdere anche il muscolo, dunque la massa magra, e la cellulite può addirittura acutizzarsi, perché i tessuti cutanei si afflosciano se il muscolo sottostante non li sostiene”. La prevenzione è la miglior cosa: “La cellulite inizia a comparire attorno ai 18-20 anni ed è molto difficile che sparisca da sola – prosegue la Gilardino – Anzi, con il tempo peggiora e diventa sempre più difficile da trattare”. Ma ecco quali sono i passi da compiere per una cura giusta e mirata: “La cura comincia con una visita approfondita, durante la quale si misura la massa grassa e quella magra grazie a un apposito strumento, l’adipometro, uno speciale ecografo che funziona come uno scanner misurando tessuti muscolare e adipe – spiega il chirurgo milanese – Conoscere la componente grassa e magra della paziente è un dato fondamentale, in quanto permette di vedere cosa c’è sotto ed è molto più significativo rispetto a una misurazione in centimetri. I risultati sono elaborati direttamente al computer attraverso un algoritmo e questo permette di controllare le fasi successive”. Solo così si potrà prescrivere una dieta adatta e dei trattamenti specifici che dovranno sempre essere abbinati a del sano esercizio fisico.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese