Oggi su Wellness Farm

In forma con il boxing splash

In forma con il boxing splash

Carla Bruni: ‘I 50 anni non sono un’età divertente’

Carla Bruni: 'I 50 anni non sono un'età divertente'

La ricetta di un drenante per la notte

La ricetta di un drenante per la notte

Celiachia: occhio ai cosmetici!

Le persone che soffrono di celiachia sono abituate a scegliere con cura cosa magiare onde evitare di assumere cibi che contengono glutine, pericoloso per la loro salute. Leggendo un articolo riportato su Huffingtonopost.com, ho scoperto che i ricercatori americani hanno dato l’allarme puntando il dito anche sul makeup e sui cosmetici in generale. A Washigton è in corso un incontro nazionale di gastroenterologi che ha dato maggiori informazioni riguardo all’argomento.

Le etichette alimentari riportano quasi sempre se un prodotto contiene o meno il glutine. Ma secondo i ricercatori americani, spesso le confezioni di creme per il corpo e altri prodotti di bellezza non forniscono le stesse indicazioni, indispensabili per chi soffre di celiachia. Questo almeno è quanto afferma Pia Prakash, medico presso la George Washington University: “Rossetti, ciprie e fondotinta sono quelli che preoccupano maggiormente – ha spiegato – e spesso non si fa realmente attenzione alla lista degli ingredienti che compongono questo tipo di prodotti”. La Prakash insieme ad alcuni colleghi ha esaminato i siti web di 20 aziende leader nel settore della cosmesi e ha scoperto che “nessuno fornisce effettivamente informazioni dettagliate sui prodotti che contengono glutine”.

Solo negli Stati Uniti, secondo le stime, soffrono di celiachia ben 2 milioni di persone. Quando questi soggetti consumano prodotti contenti glutine, il loro sistema immunitario attacca le strutture che rivestono l’intestino tenue, importati per l’assorbimento dei nutrienti del cibo. I sintomi che si manifestano vanno dalla dissenteria al gonfiore addominale, passando per la perdita di peso, la stanchezza e i dolori articolari. L’unico modo per curare la celiachia è quello di non mangiare il glutine.

Nel corso del congresso dell’American College of Gastroenterology, Prakash e i suoi colleghi hanno presentato una relazione su un caso riguardante una donna di 28 anni celiaca che aveva controllato con successo i suoi sintomi per molti anni, limitando la quantità di glutine nella sua dieta. Dopo aver iniziato a usare una nuova lozione per il corpo, però, la donna ha sviluppato un prurito associato ad eruzioni cutanee con bolle sulle braccia. Non solo, le è anche tornato il gonfiore addominale e si è ripresentata la diarrea. Tutti sintomi scomparsi quando ha smesso di usare quella crema.

Marie Borum
, autrice principale della ricerca, ha spiegato che il glutine non può essere assorbito attraverso la pelle, ma le persone possono accidentalmente ingerire piccole quantità di crema, di rossetto o di altri prodotti in quanto l’applicazione spesso avviene tramite le mani che, a loro volta, possono venire facilmente a contatto con la bocca: “Se ci concentriamo solo sul cibo – ha spiegato l’esperta – è possibile che manchi qualcosa di molto importante e questo potrebbe fare la differenza nella vita di qualcuno”. La Borum ha anche spiegato che sono poche le aziende che specificano la presenza o meno di glutine nei loro prodotti di bellezza. Addirittura dei cosmetici che, ad esempio, indicano nell’etichetta la presenza di Vitamina E potrebbero essere pericolosi in quanto questa sostanza spesso viene estratta dal grano che, come è noto, contiene glutine.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

I più letti del mese

I più commentati del mese