Oggi su Wellness Farm

Il cibo spazzatura rende stupidi

Il cibo spazzatura rende stupidi

Aromaterapia, lavanda e menta contro lo stress

Aromaterapia, lavanda e menta contro lo stress

Sesso super con molluschi, avena e miele

Sesso super con molluschi, avena e miele

Anche i capelli invecchiano!

Anche i capelli invecchiano. In bagno, oltre alle creme antirughe, arrivano i prodotti per la cura delle chiome più agè; quelli per gli over 45.

I capelli subiscono l’aggressione dei fattori esterni (tinture, decolorazioni, stress termici e meccanici, dovuti all’uso di phon e piastre). E sono maggiormente esposti, rispetto alle altre parti del corpo. Con l’avanzare degli anni, poi, le cose si complicano: “L’allarme scatta intorno ai 40-45 anni – dice Daniele Campo, medico tricologo, docente al Master di Scienze Tricologiche dell’Università di Firenze – Con la diminuzione degli estrogeni, che caratterizza l’avvicinamento alla menopausa, i capelli diventano più sottili, diradati e facilmente irritabili. Occorre compensare con i fitoestrogeni o gli integratori antiossidanti come la serenoa repens, che si estrae da una palma che cresce in Florida, in grado di conservare più a lungo gli ormoni femminili”. Altre sostanze indicate in questi casi sono l’idrocortisone butinato, il 5-alfa estradiolo, dall’azione rinforzante, mentre l’adenosina, l’ornitina e la taurina nutrono i capelli, stimolandone la vitalità. “Anche la caffeina, già sfruttata in cosmetica per le sue caratteristiche lipolitiche, fa bene – dice Umberto Borellini, cosmetologo SICC (Società Italiana di Chimica e Scienze Cosmetologiche)- è un ottimo energizzante: una ricerca dell’Università di Jena, in Germania, ha scoperto che favorisce la crescita dei capelli, non a caso è chiamata ‘doping per capelli’”. In aumento le donne con problemi alla chioma: “Rispetto agli anni scorsi sono aumentate le donne che lamentano problemi ai capelli – spiega Daniele Campo- Se prima chi si rivolgeva al tricologo era in prevalenza di sesso maschile, oggi la metà è costituita da donne che manifesta, a parte i disturbi relativi alla caduta e al diradamento, ciocche sottili, opache, senza tono, facile a spezzarsi”. Tra le cause principali la carenza di ferro, conseguenza, a volte, di un’alimentazione scorretta: “E’ importante sottoporsi a un esame del sangue specifico, ricercando il valore della ferritina, che è il ferro che rimane depositato nell’organismo- aggiunge Campo.

Importante anche l’aspetto della cosmesi: bisogna assicurarsi di detergeli con prodotti dolci che non li aggrediscano ulteriormente. Importante anche l’idratazione di fusti e radici che deve essere mantenuta sempre costante. Pare che il caviale, ricco di Omega3, secondo studi recenti, sia capace di neutralizzare i maker dell’invecchiamento. Anche i polifenoli e le ceramidi sono potenti anti-ossidanti, indispensabili per ridurre le doppie punte, rinforzare e ristrutturare la struttura capillare.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento